Alberto si è trasferito a Malta, paese ideale per business e investimenti

Link Sponsorizzati


ALBERTO SI E’ TRASFERITO A MALTA, PAESE IDEALE PER BUSINESS E INVESTIMENTI

Alberto, cinquantenne con alle spalle oltre trent’anni di esperienza professionale nelle global corporations e come managing partner nella consulenza direzionale, venendo inoltre da una lunga esperienza nell’area della Corporate governance e investimenti,  ha scelto di trasferirsi a vivere e lavorare a Malta, dove, quale residente lavora come Consigliere di Amministrazione Indipendente, ruolo necessario alle società con sede a Malta per rispettare le norme fiscali internazionali OCSE, Europee e Italiane. “…Malta è un paese che ha profonde radici culturali inglesi e pertanto vale la meritocrazia. L’isola  vuole attirare persone che hanno voglia di fare, che hanno idee, progetti, capitali ma soprattutto che siano affidabili nel breve e lungo periodo. Qui se sei una persona aperta, seria, professionale trovi le porte aperte e partners intorno a te che vogliono collaborare per condividere un progetto o una strada da fare insieme…”

Link Sponsorizzati


Alberto trasferirsi a MaltaCiao, raccontaci un po’ di te… come ti chiami, di dove sei e cosa facevi quando eri in Italia?
Sono Alberto, ho origini lecchesi ed ho abitato in Brianza.
Ho gia’ superato la soglia dei cinquant’anni, con alle spalle oltre trent’anni di esperienza professionale nelle global corporations e come managing partner nella consulenza direzionale, una moglie avvocato e un figlio che  fin dall’età di 15 anni si è trasferito  a studiare in Inghilterra.



Quando e perché è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia?
Avendo vissuto già all’estero per molti anni in Svizzera, Egitto, USA e Inghilterra sono sempre stato attratto dal vivere in una comunità globale dove la diversità esprime sempre un valore. Non sono in  fuga dall’Italia ma semplicemente il mio modo di vivere, agire, pensare è sicuramente più anglosassone e in un’Italia fatta di compromessi, molta apparenza, poche azioni, io sono una minoranza.

Perché hai scelto proprio Malta e in quale località vivi?
Questa decisione è scaturita dopo una analisi di dettaglio di vari paesi dagli USA a Panama e Costa Rica, da Sydney a Singapore, dalla Svizzera alla Gran Bretagna, per capire e valutare tanti elementi come la qualità e il costo della vita, la sicurezza, il sistema sanitario e scolastico, l’efficienza amministrativa e imprenditoriale e tanti altri fattori.
Negli anni ho avuto contatti lavorativi con quest’isola ed ho sempre apprezzato la mentalità aperta, diretta dei maltesi, la loro internazionalità e concezione meritocratica tipica della cultura anglosassone.
Alberto trasferirsi a MaltaIo vivo a Gzira, vicino a Sliema, che è la zona più abitata dagli espatriati e frequentata dai turisti, ma ho scelto di vivere qui perché anche in inverno c’è movimento, i locali sono aperti, è a soli 10 minuti dalla capitale Valletta e dalla sede di uffici di molte società e professionisti. Sono in una zona tranquilla e per niente caotica ma a soli 400 metri dal mare.
Malta è un’isola di circa 420.000 abitanti a sud della Sicilia ma a molti sconosciuta. Qui la lingua ufficiale oltre al maltese è l’inglese (tutti i contratti sono nella lingua di Shakespeare), anche se molti parlano italiano, e da qualche anno fa parte dell’Unione Europea ed ha adottato l’Euro.

La verità è che Malta ha 5 punti di forza unici nel panorama globale:
 •    Sono vicino per tempi e costi ai miei luoghi d’origine, lavorare qui è come essere a Firenze, salvo i vantaggi di non essere in Italia. In 1 ora e 45 minuti di volo sono a Milano.
 •    Malta è un paese molto efficiente con bassa struttura di costi e bassa fiscalità ma con molte attività ad alto valore aggiunto.
 •   La comunità internazionale di expatriates presente è davvero di valore e i professionisti maltesi sono tutte persone con esperienza internazionale.
 •    La qualità della vita, grazie al clima, al mare, alla storia, all’offerta socio-culturale, agli eventi, è di gran lunga superiore a quella milanese e di molte città internazionali.
 •    Malta ha un livello di sicurezza, stabilità, sistema sanitario, sistema educativo ed affidabilità dei rapporti con la pubblica amministrazione e gli altri cittadini, che nulla ha a che vedere con l’incubo italiano in costante peggioramento.

Alberto trasferirsi a MaltaAvevi già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?
Ho vissuto per lavoro all’estero ed ho conosciuto, anche grazie alla mia grande passione per i viaggi, l’Europa, la Svizzera, l’America, l’Asia e i paesi Arabi.
Malta l’’ho conosciuta qualche anno fa durante una vacanza, ed ho subito apprezzato quel mix di cultura e bellezze naturali che è in grado di offrire. Qui puoi fare mare in baie suggestive e fondali stupendi ma puoi anche perderti alla scoperta dei suoi siti millenari, delle sue cittadine medievali, dei suoi palazzi barocchi.

Alberto trasferirsi a MaltaSei partito da solo o con la partner o famiglia?
La mia partner alterna periodi di permanenza a rientri in Italia per motivi familiari e mio figlio vive dai tempi del liceo in Inghilterra ed ora fa il ricercatore per un PHD in Finanza e viene volentieri a Malta per ritrovare qui la parte solare di quello che vive ogni giorno in UK,  ovviamente portandosi vari amici al seguito.

In che cosa consiste la tua attività?
Venendo da una esperienza lunga e solida nell’area della Corporate governance e investimenti ed essendo un residente a Malta, sono richiesto come Consigliere di Amministrazione Indipendente, ruolo necessario alle società con sede a Malta per rispettare le norme fiscali internazionali OCSE, Europee e Italiane.
Qui sono il fondatore di una attività basata sul portale http://maltaway.wordpress.com/ che ha lo scopo di promuovere il modello di Malta nel business, negli investimenti  e nello stile di vita, con l’obiettivo di attrarre sull’isola persone qualificate, capitali, società, imprenditori ed individui interessati ad investire e a rilocarsi in questa giurisdizione.
Abbiamo anche una attività specificatamente dedicata al mercato immobiliare locale https://casamalta.wordpress.com ed una legata ai viaggi, ovviamente a Malta ma anche nel mondo,  agli incentive ed ai corsi di inglese http://amamalta.wordpress.com.  
Grazie alla mia precedente esperienza professionale e al mio modo personale di approcciare ogni progetto con profonda studio e conoscenza, ma anche pratico e operativo, cerco innanzitutto di aiutare i clienti a verificare punto per punto vantaggi e conseguenze economiche e personali di questo percorso di scelta che vorranno condividere con me.
Io cerco prima di capire se Malta sia la soluzione giusta per il cliente, poi gli offro un servizio completo dal viaggio al cambio di residenza, alla casa, alla fiscalità, agli investimenti, per far si che l’esperienza di un trasferimento non si riveli un percorso tortuoso ad ostacoli ma una via dritta e semplice.
La cosa che mi interessa di più è soprattutto dare sempre una consulenza professionale, precisa, affidabile e soluzioni personalizzate.

Alberto trasferirsi a MaltaCome hai affrontato e risolto il problema dellla residenza?
Malta fa parte della comunità Europea ed è in area Schengen per la libera circolazione delle persone, per trasferirsi permanentemente occorre chiedere un permesso di residenza e fare poche cose ma in maniera professionale per evitare errori, in quanto ogni paese ha le sue regole sulla residenza, l’assistenza sanitaria, la fiscalità ecc…

Quali differenze sostanziali hai avuto modo di riscontrare a livello lavorativo rispetto all’Italia?
Malta è un paese che ha profonde radici culturali inglesi e pertanto vale la meritocrazia. L’isola  vuole attirare persone che hanno voglia di fare, che hanno idee, progetti, capitali ma soprattutto che siano affidabili nel breve e lungo periodo. Qui se sei una persona aperta, seria, professionale trovi le porte aperte e partners intorno a te che vogliono collaborare per condividere un progetto o una strada da fare insieme. Qui non mi sento ne un cittadino italiano né un maltese acquisito, mi sento un europeo che vive e lavora in una delle migliori giurisdizioni della comunità europea e che vuole contribuire a fare di Malta il crocevia di legami personali e di business in Europa, l’Africa e il Medio Oriente, la Cina e L’Asia e il continente Americano

Cos’altro hai notato della società maltese?

Chi viene a vivere, lavorare e investire a Malta trova un ambiente dove stabilità e sicurezza sono parte della società, che supporta e agevola gli investimenti, un paese dove la qualità della vita è elevata, una forza lavoro preparata e motivata, un’infrastruttura di servizi molto solida e in continuo aggiornamento.
Ma come sono solito fare non basta raccontare e fornire opinioni ma bisogna dare i numeri.

Alberto trasferirsi a MaltaIl PIL del paese ha visto una crescita straordinaria nel secondo trimestre del 2014 del 4,2% e le proiezioni sino al 2016 confermano una crescita reale pari al + 2,5%, ben superiore alla media europea, anche gli indicatori soft mostrano un paese in decollo con indice di fiducia  (ECI) a un + 3,5% mentre la media dell’ Unione Europea è  – 1%.
Malta vede nel 2°trimestre 2014 un aumento degli occupati del 1,2 %, con un tasso di occupazione che sfiora il 50% della popolazione in età da  lavoro (>15 anni).
Le banche Maltesi sono ben capitalizzate e il governo maltese non ha alcuna necessità di supportare il sistema bancario nè sul fronte del capitale nè su quello della liquidità. Il sistema  ha mostrato forza e resistenza praticamente senza alcun utilizzo dei prestiti agevolati messi a disposizione delle banche Europee dalla Banca Centrale. A conferma di cio’ basta vedere i risultati degli stress test del mese di ottobre.
Mentre molti  mercati immobiliari nel mondo sono in bolla, Malta è una nazione e un mercato piccolo, per il momento ancora lontana dalla mente e immaginazione delle folle, con prezzi medi ancora convenienti rispetto agli altri mercati  e con  alte rendite grazie a una domanda elevata (locale e di immigrazione qualificata) e anche all’assenza di tassazioni. Qui non si paga neppure la tassa rifiuti.

Come è avvenuta la tua integrazione in una realtà locale sostanzialmente differente da quella italiana?
I maltesi sono un popolo molto caloroso, accogliente e socievole con un carattere tipicamente mediterraneo.  Integrarsi con loro , se si rispettano, è davvero facile perché hanno una mentalità aperta e internazionale.
 
Alberto trasferirsi a MaltaVivere a Malta, sotto quali aspetti è meglio che in Italia? E sotto quali aspetti è peggio?
Il clima, i paesaggi, il mare, la qualità e il costo della vita, gli incontri sociali e professionali, la fiscalità, la snellezza della burocrazia, la politica aperta e oculata non mi fanno rimpiangere né la Brianza né l’ambiente lavorativo milanese e neppure le montagne da appassionato sciatore come sono.
Il paese è in fermento economicamente e culturalmente, ma forse necessiterebbe di un preciso piano per la riqualificazione e risistemazione del territorio, del suo patrimonio immobiliare, perché non di rado accanto ad edifici ristrutturati e di valore si trovano case abbandonate e in disuso.
Però devo dire che mi sono abituato a cio’ e quando rientro in Italia vedere i paesi ordinati e i palazzi grigi  mi da un senso di profonda tristezza e noia. Ormai mi sono abituato al giallo di Malta sia del sole che della pietra con cui è costruita gran parte dell’isola e questo mi da’ un senso di luminosità, calore e vita.

Cosa consiglieresti ad altri italiani che desiderassero seguire le tue orme?
Malta non è una destinazione per tutti ma per chi ha voglia di fare, per chi ha energia, idee, progetti o capitale, per chi, come dico io, vuol nuotare anche con onde alte, rispettando in assoluto le regole del gioco.

Consideri l’Italia un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca quando sei via?
Non ho nostalgia dell’Italia e a Malta non puoi neppure dire che ti manca la cucina italiana perché nei supermercati trovi prodotti di qualità italiani a prezzi convenienti.  
Con gli amici e familiari ho contatti giornalieri grazie alla moderna tecnologia e li convinco anche a venirmi a trovare per passare qualche giorno di mare insieme, fare una pedalata, un’arrampicata o una serata a teatro, visto che la distanza è breve.  
Torno per qualche sciata nella mie Alpi Valtellinesi  perché qui la neve non si vede proprio avendo le temperature minime invernali di 11 gradi.  
Che tipo di lavoro, attività o investimento pensi sia conveniente praticare per un italiano a Malta?
Le opportunità di lavoro, di trasferire un’azienda, di aprire una nuova attività sono davvero interessanti perché Malta è un mercato in espansione che continua ad attrarre nuovi capitali e investitori grazie anche al sistema fiscale molto vantaggioso e alla burocrazia snella e flessibile.
I flussi turistici sono elevati e in continua crescita. Anche quest’anno hanno già avuto un incremento del 12%. Il mercato dell’ospitalità è pertanto molto attivo, sia per chi vuole venire a fare il cameriere o il barista , cosi’ come trovare un’opportunità per chi vuole aprire un’attività.  Io consiglio però ai miei clienti di valutare bene il mercato locale  perché c’è tanta concorrenza ma con un prodotto distintivo si puo’ fare la differenza ed avere grande successo.
A parte eccezioni come un mastro birraio italiano che produce birra di alta qualità a Malta, le aree di business che attraggono capitali e competenze sono quelle della finanza, dei servizi corporate, dell’informatica e telecomunicazioni, del i-gaming, del settore trasporti marittimi e aerei.
Ci sono esperienze di successo anche nel settore farmaceutico e della chimica fine, della meccanica di precisione, della creatività digitale, della moda e design in particolare dell’arredamento.

Conosci molti italiani che vivono a Malta, li frequenti?
Ci sono diversi italiani che vivono a Malta ed ho modo di frequentarli come frequento anche comunità internazionali dove si conoscono espatriati di tutto il mondo. Io mi sento un cittadino europeo.

Alberto trasferirsi a MaltaConsiglieresti Malta più come meta per espatriare o più per una vacanza?
Malta è un’ottima meta per una vacanza perché è vicina, economica, ha un clima ideale con 300 giorni di sole all’anno ed un mare stupendo, ma anche semplicemente per fare un’arrampicata su una parete di roccia o un percorso di mountain bike, una nuotata con i tonni, un’immersione, un volo.
E’ ideale anche per un corso d’inglese, perché le scuole sono di ottimo livello con costi piu’ abbordabili rispetto all’Inghilterra e con un clima migliore e sicuramente meno piovoso.
Molto interessante per i nostri giovani teenagers valutare di fare un percorso scolastico in inglese o esperienze internazionali come il Diploma International Baccalaureate o  frequentare un corso di laurea a costo zero in qualità di cittadini europei.
Una vacanza esplorativa  è sempre il punto di partenza per capire se è un posto di interesse, ma per esperienza personale 9 su 10 sono tornati con un progetto (che per qualcuno si realizzerà e per altri rimarrà  un sogno) di trasferirsi e diventare cittadini europei vivendo a Malta.
Tutti ci siamo spesso persi a sognare mete paradisiache ma spesso irraggiungibili senza pensare a mete più vicine dove poter realizzare facilmente i propri desideri, senza dover recidere i legami familiari, amicizie e abitudini ovvero le nostre radici.
Malta è business in the sunshine, business alla luce del sole in senso reale, grazie ai 300 giorni di sole all’anno e in senso figurato, grazie al contesto stabile e affidabile fatto di regole e trasparenza.

Email: MALTAWAY.INFO@GMAIL.COM

http://maltaway.com
https://casamalta.wordpress.com/
http://amamalta.wordpress.com/

Di Massimo Dallaglio

SCARICA LA GUIDA PER TRASFERIRSI A VIVERE A MALTA



Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: