ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Annalisa è in giro per il mondo da circa un anno. Ha iniziato a viaggiare da sola - zaino in spalla - quando ha lasciato il suo lavoro

Link Sponsorizzati


ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Un saluto a tutti i lettori di Mollotutto, io sono Annalisa, ho 29 anni, ummm forse dovrei dire 30 visto che manca solo un mese alla fatitica soglia ;-), sono di origine Napoletana e, fino a marzo dell’anno scorso, avevo anche io quella che si potrebbe definire una “vita normale”, con un lavoro fisso, una casa, tanti hobby e molti amici. Come, ridendo, dico spesso ai miei amici :”anche io, una volta, ero normale; poi sono guarita”.

Link Sponsorizzati


Quando sei partita e per quale motivo hai deciso di partire “zaino in spalla”?

Sono in giro per il mondo da circa un anno. Ho iniziato a viaggiare da quando ho lasciato il mio lavoro, prima non ne avrei avuto il tempo, non per viaggiare come intendevo fare io.



Sono stata, ne sono consapevole, una di quelle persone molto fortunate che, a 21, in una realtà difficile come Napoli, aveva già un ottimo lavoro con contratto a tempo indeterminato, orari d’ufficio e week-end liberi. Il sogno di tanti, penserete voi, e lo è stato; lavoravo per una società finanziaria, a due passi da casa, dove mi occupavo della gestione e del controllo delle risorse umane esterne e del sistema informatico. Avere un “posto fisso”, che mi offriva stabilità e sicurezza, mi è servito a crescere e maturare. Ma dopo 8 anni, quello che inizialmente mi sembrava stupendo, si era trasformato in una prigione; Inizialmente non avevo il coraggio di farlo, lasciare il sicuro per l’insicuro talvolta spaventa, ma sentivo il bisogno imminente di cambiare vita, di rimettermi in gioco, di vivere le mie giornate in maniera completamente diversa. E volevo realizzare quello che era sempre stato il mio sogno più grande, viaggiare alla scoperta di questo posto incantevole che chiamiamo Mondo.

Tre anni fa ho sofferto di anoressia, e me la sono vista veramente brutta; quando poi, due anni fa, fui ricoverata in ospedale, ho temuto veramente di morire, e di abbandonare questa meravigliosa vita senza aver realizzato i miei desideri. Quel giorno promisi a me stessa che, se avessi vinto quella battaglia, avrei mollato tutto per iniziare ad inseguire i miei sogni, e chi sa magari anche realizzarli. E così ho fatto. Talvolta bisogna toccare il fondo, per poi rilasire in cima e rinascare più forti di prima.

Viaggi da sola o in compagnia?

Prevalentemente da sola, perché il bello sta proprio in questo: poter decidere di andare dove voglio,  quando voglio e come voglio. Cambiare città da un giorno all’altro, o cambiare meta all’ultimo minuto, seguendo solo il mio istinto ed i miei desideri. Il primo viaggio all’estero, xò, l’ho fatto in compagnia di un caro amico, perché non mi sentivo pronta a fare quella prima esperienza da sola, e devo ammettere che è stata la scelta giusta. Inquanto donna, avevo mille paure e mille dubbi, che sono spariti lungo il viaggio del tour della Thailandia, senza che me ne accorgessi. Avendo compagnia non mi sono mai sentita in pericolo, ed ho potuto acquisire sicurezza e fiducia in me stessa in estrema tranquillità.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Come scegli e come organizzi i tuoi viaggi e le tue mete?

Forse sarebbe meglio dire “come non le organizzo” hahaha.

Mi piace vivere molto alla giornata, pensando solo a godermi il presente, senza fare troppi progetti per il futuro; non prenoto quasi mai in anticipo, se non di un giorno o due.

Talvolta presumo di fermarmi in un posto solo una notte, ma poi mi ritrovo a restarci per settimane intere;

Quando viaggi alla giornata, noi sai mai cosa ti aspetta nè cosa troverai nel posto in cui andrai. A volte pensi che un posto sarà stupendo, ma dopo 3 giorni ti rendi conto di aver già visto ciò che ritenevi importante, e senti l’esigenza di andar via; altre volte resti ammaliato da posti di cui neanche conoscevi l’esistenza, e ti ritrovi a volerci restare per molto più tempo del previsto.

Invece, per la scelta della meta successiva,ricerco la destinazione più economica da raggiungere dal punto in cui sono, che sia con blablacar, con compagnie autobus lowcost o voli aerei, oppure mi affido ai consigli della gente del posto, che sa darti sempre le dritte migliori.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

“Viaggiare senza soldi”, quanto ti ritrovi in questa definizione?

È difficile, ma non impossibile; Tutto dipende dallo stile di vita che si è disposti a condurre.

Bisogna avere una mentalità molto aperta, imparare ad arrangiarsi e sapere cogliere ogni opportunità.

Non da meno, bisogna essere disposti a rinunciare a tutte le vecchie abitudini; La vita che conduco oggi è completamente diversa da quella che potevo permettermi quando avevo un lavoro fisso .

Sono passata dalle cene nei ristoranti di lusso, al cibo di strada di bangkok; anche se, principalmente, prediligo cercare un supermercato e cucinarmi io stessa pranzo e cena, è economico e salutare.

Non dormo più nelle camere private degli alberghi, ma negli ostelli, dove si condivide una stanza ed un bagno con altre 10-15 persone.

Non ho più scarpe e vestiti adatti per ogni occasione, ma solo tre cambi; perché quando viaggi zaino in spalla, impari ad avere con te solo l’indispensabile. Lo zaino diventa la tua “stanza”, tutto ciò che hai deve entrare lì dentro.

E non ho più chi mi lava i vestiti. hahaha mia mamma riderà leggendo questo.

Come per ogni cosa nella vita, vi sono pro e contro;

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Come ti mantieni? Cioè come finanzi il tuo “girovagare” per il mondo?

Cogliendo tutte le opportunità in cui mi imbatto lungo la strada.

Qualche giorno fa, per esempio, ero a Finisterre; lì l’oceano regala alla spiaggia delle conchiglie meravigliose, così ho raccolto quelle che per me erano le più belle, ho comprato vari lacci colorati, e ho iniziato a forarle per farne delle collane.

Era divertente, e poi ero su una meravigliosa spiaggia con dinnanzi a me l’oceano.

Le persone che passavano in spiaggia, nel vederle, si fermavano ad ammirarle e mi chiedevano se potevano acquistarle. Inizialmente le ho regalate, poi ho iniziato a chiedere un offerta libera, e così ho racimolato i soldi per pernottare lì qualche altra notte.

Ma questo è solo un esempio; è facile, per una ragazza almeno, trovare lavoro anche solo per pochi giorni, in qualunque bar, negozio o ristorante.

Devo ammettere, però, che la maggior parte del guadagno, e delle soddisfazioni, lo devo alla fotografia; per me è la “mia arte”. Mi piace e mi diverte, e riuscire a farsi pagare per una cosa che faresti anche gratis… e come vincere un terno al lotto. Ed è tanta la soddisfazione ogni qualvolta che vendo una delle mie foto.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Sei una donna in viaggio da sola, ti sei mai trovata in situazioni pericolose? Se si, come le hai affrontate?

Fortunatamente, no.

Ovvio che, camminando per strada da sola, di giorno e di notte, sono molte le persone che tendono ad importunarti.

Spesso mi ritrovo ad entrare in un bar o in qualunque altro negozio, solo per liberarmi del tipo di turno che mi sta affiancando per strada cercando di conversare.

Evito di camminare per le strade più pericolose o, se proprio devo farlo, aspetto che passi qualche altra persona, prevalentemente coppie o altre ragazze, e inizio a camminare poco distante da loro. E porto sempre con un me un fischietto.

Ma la cosa più importante, è chiedere notizie alle persone del luogo, appena ci giungi. Basta iniziare a chiacchierare con la signora del bar in cui ti fermi a fare colazione, e chiedere info sui posti più traquilli dove dormire, o le zone da evitare.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Usi degli accorgimenti particolari per risparmiare durante i tuoi viaggi e per l’alloggio una volta arrivata a destinazione?

Cerco sempre la miglior offerta, con qualunque mezzo di trasporto.

Ho viaggiato quasi tutta Italia sfruttando le offerte delle nuove compagnie di autobus low-cost, flixbus e megabus, andando dovunque: Firenze, Bari, Matera, Modena, Trento, Bologna… ed ho pagato quasi sempre 1€ a tratta!

È stato divertente: invece che prendermi un caffè, allo stesso prezzo, prendevo un bus per andare a fare trekking nel parco della murgia di matera.

Invece, per il pernottamento, ricerco l’offerta migliore sui siti on-line è prenoto solo quelle con cancellazione gratuita così, una volta giunta sul posto, se trovo un offerta migliore, posso sfruttarla.

Annalisa in giro per il mondo da sola

In quale paese ti sei trovata meglio?

Domanda di riserva? Ogni luogo è diverso dall’altro, e ti dona emozioni ed esperienze diverse.

Dove ti trovi adesso e quali progetti hai in mente?

In questo istante son o seduta in terra dinnanzi alla cattedrale di Santiago de Compostela.

Ho terminato da poco il cammino francese: ben 900 km percorsi esclusivamente a piedi, dalla francia fino alla costa della spagna, superando i pireni, la navarra, la galizia, per poi andare ad ammirare l’oceano da muxia e finisterre. È stata un esperienza pazzesca, indescrivibile. Talmente bella che, lungo il cammino, ho deciso di fare dei videoreportage giornalieri, tappa per tappa, per dar modo a tutti coloro che, per impedimenti fisici o di tempo non posso fare questa meravigliosa esperienza, di “vivere” e “vedere” cosa è il Cammino di Santiago de Compostela; o a chi ha piacere nel riviverlo attraverso i miei occhi.

Sul mio canale youtube potete trovare la playlist con tutti i video, dal primo giorno all’ultimo; le risate sono assicurate.

Ecco, ad esempio, uno dei video: https://m.youtube.com/watch?v=ua1Bgfbt9mk&feature=share

Per i proggetti futuri… domani partirò per Vigo e successivamente per l’isola di Cíes; dopo mi attende un mese di tour in Portogallo e poi l’Andalusia.

Per settembre, sfruttando l’holiday-work, si parte per l’Australia; vorrei girarla tutta e trascorrere qualche mese in ognuna delle grandi città quali Sidney, Melbourne, Perth e Adelaide. E da li Malesia, Cambogia, Singapore per poi spostarmi in India.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Che consigli ti senti di dare ad altre ragazze che desiderassero seguire i tuoi passi e viaggiare da sole in giro per il mondo?

Fatelo!

La cosa più difficile è fare il primo passo; ma una volta partite, tutte le paure e le incertezze che avevate sempre avuto, svaniranno di colpo.

Non accontentatevi di vivere una vita che non vi rende felici, perché di vita se ne vive una sola; non né avrete altre per riprovare.

E non continuate a rimandare, perché il momento giusto non arriverà mai, se voi non lo cercherete.

Non lasciate che la paura vi impedisca di realizzare i vostri sogni; perché non c’è nulla da imparare in un giorno uguale a quello precedente.

Li fuori c’è un mondo intero pronto ad accogliervi.

Tornerai un giorno in Italia o stai cercando la tua meta definitiva all’estero?

Ho appena iniziato a viaggiare, e già volete farmi tornare? 😉

Scherzi a parte, certo che tornerò, ma non per ristabilirmici.

Non so se riuscirò mai a trovare un posto nel mondo da poter chiamare “casa”; per ora credo che il mondo sia cosi grande e meraviglioso, che sarebbe un peccato fermarsi in un solo posto, rinunciando a tutto il resto.

Ma questo è quello che voglio oggi; Ponetemi la stessa domanda fra 10 anni, e forse otterrete una risposta diversa.

Per ora, non ci penso, e non faccio programmi. Vivo.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

L’Italia oramai è per te un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca?

Per ora mi definisco una “pendolare”: torno spesso, perché il sapore di casa ha un gusto diverso dopo essere stati via tanto a lungo. Ritrovare la famiglia, gli amici, il mio cagnolino, il mio letto…e poi il mare, i colori, gli odori della mia città. Ogni volta è stupendo ritornarci, ma ogni volta è ugualmente stupendo ripartire.

Desideri aggiungere qualcosa?

Sembra banale dirlo, ma la cosa più importante che abbiamo nella nostta vita è il tempo; esso scorre veloce senza che ce ne rendiamo conto, ed una volta trascorso, non possiamo riaverlo. È come avere un conto in banca dove però non ci sono entrate, ma solo uscite; ogni giorno releviamo parte di “soldi” da questo conto, e li usiamo per ogni cosa: 1ora per lavarci, 30 minuti per andare a lavoro, 3 ore al bar con gli amici, 8 ore per dormire. Pensiamo di avere sempre tempo per fare ciò che desideriamo, e talvolta continuiamo a rimandare ciò che vorremmo dicendoci che “prima o poi lo faremo”, ma non è così. Ogni giorno il nostro “capitale di tempo” diminuisce, senza che noi ce ne accorgiamo, ed un giorno, così all’improvviso, finirà.

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

Per questo è importante vivere appieno ogni giorno, cercando di godere di ogni momento della vita; ed è importante fare stesso oggi cio che desideriamo, perché forse domani non avremo più il tempo per farlo.

Citando FWN :” Vivi in modo che tu possa desiderare di tornare a vivere”

Account facebook:

https://m.facebook.com/annalisagallonigiornalistafotografa

Pagina ufficiale di fotografia:

https://m.facebook.com/annalisagalloniphotographer/

Account youtube:

Annalisa Galloni

Playlist youtube Cammino di Santiago:

Il mio Cammino di Santiago, 2016:

https://www.youtube.com/playlist?list=PLEPSXU5U_3ZECPL1_VQaCaMz3KhEI2J7X

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: