Chiara ci racconta perchè studiare all’estero aiuta a crescere

Link Sponsorizzati


CHIARA, UNA GIOVANE  RAGAZZA DI BRESCIA CI RACCONTA PERCHÉ STUDIARE ALL’ESTERO AIUTA A CRESCERE

Da un anno negli States con il programma High School di Wep, qui ha avuto l‘impulso di mettere in gioco se stessa Chiara, una studentessa di Brescia di diciotto anni è partita dieci mesi fa per Lafayette, cittadina del Colorado, per frequentare una scuola superiore americana, la Monarch High School, aderendo  all’High School Programm di Wep – organizzazione internazionale che promuove scambi linguistici, educativi e culturali nel mondo – grazie al quale ha avuto la possibilità di studiare per un anno in un liceo americano, ospitata da una famiglia del posto. “Ho deciso di partire per un anno all’estero – racconta Chiara –  perché sentivo il bisogno di un cambiamento a livello personale. Volevo viaggiare e immergermi completamente in una nuova cultura.”

Link Sponsorizzati


Chiara studiare in USA con il programma High School di WEPArrivata a Lafayette Chiara ha conosciuto la famiglia dove avrebbe vissuto durante la sua permanenza in America: Gregory, Cynthia e i loro due figli Katy e Ryan, rispettivamente di 13 e 18 anni. Trovarsi all’interno di un nucleo familiare differente dal proprio da un punto di vista culturale e geografico può spaventare, ma quando le abbiamo chiesto come ha vissuto questo “trasferimento” risponde:



“Mi ritengo fortunatissima ad essere capitata con questa famiglia, non avrei potuto chiedere di meglio! Sin dal primo giorno mi hanno accolta come una di loro, supportandomi nelle attività che volevo intraprendere.”

Proprio grazie alla famiglia ospitante infatti Chiara è entrata in contatto con la compagnia teatrale della cittadina, la Center Stage, prendendo parte allo spettacolo “Shrek: The Musical”. Chiara aveva già partecipato agli spettacoli teatrali organizzati dalla Monarch High School, arrivando a interpretare il ruolo di Cenerentola nello spettacolo “Into the woods”, ma, venuta a conoscenza della compagnia di Louisville, ha deciso di mettersi alla prova e seguire con coraggio i propri desideri, provando a entrare in una realtà più professionale.

Chiara studiare in USA con il programma High School di WEP La passione di Chiara per il teatro non è nata in America – la ragazza seguiva anche in Italia il programma teatrale organizzato dalla sua scuola già da tre anni – tuttavia, la giovane viaggiatrice ha potuto imparare una lezione molto importante confrontandosi con una realtà differente: l’impegno che ha dovuto richiedere a se stessa per vincere paure e insicurezze le ha insegnato che con la passione e l’intraprendenza può raggiungere qualsiasi cosa.

“Dopo questo anno lontano da casa ho capito che se ho un obiettivo o un sogno – racconta – l’unica cosa che puó essermi di ostacolo sono io. Quando ripenso alla mia esperienza in Colorado la prima cosa che mi viene in mente è quanto io sia cambiata e cresciuta in questi mesi, quanto le situazioni in cui mi sono trovata mi abbiano aiutata a trasformarmi in una persona migliore. Adesso posso “liberare” la vera me che molto spesso intrappolavo e cercavo di nascondere per paura di essere giudicata o di non essere all’altezza. Ora mi sento come se non ci fosse niente che non possa affrontare a testa alta”.

Quando le chiediamo cosa consiglierebbe a chi, come lei, volesse intraprendere un’esperienza del genere, senza esitare risponde:

Chiara studiare in USA con il programma High School di WEPNon abbiate paura di un’esperienza del genere, non abbiate paura di scoprire una nuova cultura e soprattutto di prendervi un anno per scoprire voi stessi. Partite! Non sto dicendo che sarà tutto semplice, le difficoltà, soprattutto emotive, si presenteranno, ma è proprio il modo in cui imparerete a superare quelle difficoltà che vi permetterà di crescere e di evitare di ripeterle in futuro. Qualsiasi difficoltà potrete trovare, se manterrete un’attitudine positiva vedrete ripagati tutti gli sforzi. Se dovessi tornare indietro non esiterei nemmeno un secondo a ripartire per l’avventura piú bella della mia vita.”

Sempre più ragazzi, in età anche molto giovane, manifestano il desiderio di lasciare l’Italia per intraprendere un’avventura in un altro paese. Motivazioni differenti spingono alla partenza questi giovani viaggiatori: alcuni vogliono mettere alla prova se stessi, altri sentono il bisogno di confrontarsi con culture differenti, altri ancora vogliono imparare una lingua straniera e perfezionare la propria capacità di muoversi in un altro Paese. Tutti, tuttavia, tornano dal periodo all’estero profondamente arricchiti e se si ha modo di parlare con qualcuno di loro in prima persona, si comprende subito quanto il viaggio abbia segnato una tappa significativa all’interno della loro vita.

WEP, World Education Program è un’organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno oltre 3500 ragazzi in partenza dall’Italia verso 65 Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppi scolastici durante l’anno (stage linguistici) o durante l’estate (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e volontariato all’estero; i programmi “High School” per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero.

Per informazioni:

Tel. 011/6680902

Email: informazioni@wep.org

Web: www.wep-italia.org

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: