Ginevra si è trasferita a vivere e lavorare a Berlino

Link Sponsorizzati


GINEVRA SI E’ TRASFERITA A VIVERE E LAVORARE A BERLINO

Ginevra ventisettenne di Genova, laureata in Management, dopo tre esperienze da stagista in Italia non ha visto concrettizzarsi nessuna opportunità lavorativa, così ha deciso di “inviare il CV in Europa” e la Germania ha risposto. Dopo numerosi colloqui su Skype è stata presa e si è trasferita a lavorare a Monaco di Baviera per una start up e ora lavora a Berlino per Zalando. Questa la sua storia:

Link Sponsorizzati


castello bavieraCiao  Ginevra, vuoi presentati ai nostri lettori, come ti chiami e di dove sei originaria?
Ciao a tutti! Sono Ginevra Caprino, ho 27 anni e vengo da Genova. L’italia è il paese in cui sono cresciuta e ho studiato. Dopo la laurea in Management, ho iniziato a lavorare come stagista nell’ufficio marketing di Royal Caribbean (compagnia crocieristica statunitense) a Genova.



Quando e perchè è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia?
La voglia è arrivata proprio al termine di questo stage (peraltro estremamente formativo, umanamente e professionalmente).
Mi sono detta: “Ok, hai 25 anni e sei alla terza esperienza di stage che non si concretizza in opportunità di lavoro vera. Perchè non provare a mettere il naso fuori dall’Italia?”
Partire dunque non è stata una vera “necessità”, ma piu’ una scelta dettata dal fatto che i miei interessi professionali si stavano orientando verso il mondo dell’economia digitale. E, si sa, le aziende italiane sono mediamente indietro (anche se le cose stanno cambiando) e restie a investire in questo campo rispetto ad altri paesi europei.

Sei partita da sola o in coppia?
Sono partita sola soletta!

italians in office berlinoPerché hai scelto di trasferirti proprio in Germania?
Io ho mandato cv in tutta Europa! 😀 Poi diciamo che è stata la Germania a “scegliere” me: ho applicato per una giovane start-up internazionale CupoNation che si fonda sul marketing digitale, con sede a Monaco di Baviera, e dopo vari colloqui via  Skype, sono stata presa!
E’ stata la cosa migliore che potesse capitarmi: 2 anni fantastici.

Avevi già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?
No, amo viaggiare, ma quella era la mia prima vera esperienza di vita all’estero “senza scadenza”.

Come sono stati i primi mesi da espatriata a  Monaco?
Onestamente? Fantastici, mi sembrava di essere in Erasmus 😀 Monaco è una città accogliente e tranquilla e io ho avuto il privilegio di viverla assieme a colleghi (divenuti poi amici) provenienti da tanti paesi del mondo diversi.
Insomma, il mio impatto con la cultura bavarese (prima che tedesca!) è stato soft – se escludiamo i vari festival della birra a cui non mancavo MAI 🙂

In che cosa consiste ora la tua attività a Berlino?
Lavoro per Zalando Lounge (piattaforma che stiamo per lanciare anche in Italia) e mi occupo di Social Media Marketing. Zalando è un’azienda ormai nota, ma quello che vorrei sottolineare è che l’età media dei miei colleghi è di circa 27 anni. Mi ritrovo dunque di nuovo in una realtà in cui i giovani hanno la possibilità concreta di crescere e ottenere responsabilità importanti. Berlino è il “regno” delle startup, c’è fermento, e lo scambio di idee è all’ordine del giorno.

ufficio Monaco BavieraQuali differenze sostanziali riscontri a livello lavorativo rispetto all’Italia?
Come accennavo, qui in Germania è NORMALE che un giovane laureato trovi lavoro nel campo in cui si è specializzato, a partire da chi studia per diventare insegnante a chi studia per lavorare in banca, nessuna eccezione.
Ed è NORMALE essere remunerati con stipendi dignitosi, che danno valore al proprio lavoro.

Com’è avvenuta la vostra integrazione in una realtà locale sostanzialmente differente da quella italiana?
Ammetto che avendo sempre lavorato in aziende internazionali, non ho dovuto ad esempio imparare bene il tedesco (ma ci sto provando, giuro! Sorridente) per poter lavorare – cosa che invece può essere assolutamente mandatoria per altre posizioni di lavoro.
Posso però dire che in generale i tedeschi hanno una cultura aperta ad accogliere chi (volente o nolente) emigra nel loro paese, e la mia integrazione è avvenuta piuttosto facilmente (tolte le loro abitudini culinarie 🙂 )

L’Italia oramai è per te un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca?
L’Italia non è un ricordo – è forte e viva nei miei pensieri, anche perchè cerco di fare un salto a casa ogni 2 mesi circa.
La nostalgia c’è e non andrà mai via, anche perchè quando si è lontani da qualcosa o qualcuno si tende sempre a ricordare solo le cose belle 😉
Mancano la famiglia, gli amici, il mare blu della mia Liguria e i suoi sapori. Manca voltarsi e vedere bellezza, anche non curata, in giro per le strade.

Berlin towerVivere in Germania  sotto quali aspetti è meglio che in Italia ? E sotto quali aspetti è peggio?
Vivere in Germania ti fa risparmiare moltissima energia che in Italia normalmente consumeresti a roderti il fegato per lo scempio che è la nostra politica, per le ingiustizie e gli scandali continui che vengono fuori. Non che la Germania ne sia immune (vedi scandalo Volkswagen) o che sia perfetta, questo no. Ma i cittadini tedeschi, pur non trovandosi ovviamente sempre d’accordo con le decisioni prese da chi governa, posseggono una cosa, fondamentale, che noi abbiamo perso:  la FIDUCIA. Fiducia nel loro stato, fiducia nelle altre persone e fiducia nel loro futuro.
La verità è che, se non amassi cosi’ incondizionatamente l’Italia, non avrei alcun dubbio a dire che in Germania si vive meglio, sotto quasi ogni aspetto.
E’ un clichè ma è la verità: in quanto a bellezze naturali, clima, arte, storia, cucina, carisma e fascino vinciamo noi.
Per tutto il resto, il loro sistema-paese stra-vince.

Cosa consiglieresti ad altri italiani che desiderassero seguire le tue orme e trasferirsi a vivere e lavorare a Berlino?
Consiglierei di pianificare adeguatamente la scelta trasferimento e di mettere in preventivo di studiare la lingua, in modo piu’ o meno intensivo a seconda del tipo di lavoro. In Germania c’è piu’ lavoro, ma non sempre è tutto cosi’ facile, dipende davvero tanto da cosa si ambisce a fare e in che campo si è specializzati. Berlino non è una città cara, ma trovare casa non è una passeggiata. Insomma, consiglio analisi e pianificazione. E  di non preoccuparsi troppo del distacco culturale….
Italiani ce n’è tanti qui, i prodotti italiani si trovano e a Berlino si mangia bene in tanti locali con prezzi ragionevolissimi! E una vacanza in Italia si puo’ sempre fare 😉

Herzlich wilkommen, insomma!

LEGGI LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO IN GERMANIA

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: