IL MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA DI SIMONE

Link Sponsorizzati


IL MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA DI SIMONE

Simone è nato a Milano, lontano dal mare, ma fin da bambino ha avuto la fortuna di passare molto tempo al mare circondato da barche a vela… La passione per la vela, il mare, il viaggio e l’avventura, sono cresciute in lui fino ad arrivare oggi a farne un mestiere ed un progetto di condivisione che sta portando avanti grazie alla community Sailsquare. Ummagumma, un Ovni di 14 mt. con il quale naviga per i mari del Mediterraneo, è l’espressione di questo sogno che vuole condivide con coloro che desiderano imbarcarsi con lui. 

Link Sponsorizzati


SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA simone_picture_sail_blogCiao Simone, come hai iniziato ad avvicinarti al mondo della nautica?

Ho frequentato vacanze charter, ho fatto molte uscite con amici e ho frequentato corsi di navigazione presso la scuola dei Glenans nel nord della Francia. Dopo di che, ho acquistato una barca, Cassiopeja, uno sloop di 10,50 mt costruito dal cantiere francese Jeanneau nel 1985, con la quale nel 2010 ho cominciato un progetto di vita: girare tutto il Mediterraneo a tappe, durante l’estate e poi, chissà, dove ci porterà il vento.



Sei partito proprio a “gonfie vele”… parlaci della tua avventura.

Sono partito da Venezia ed in tre anni sono arrivato in Egeo facendo delle splendide crociere con amici ed ospiti e condividendo momenti indimenticabili.
Abbiamo costeggiato la Croazia, il Montenegro, l’Albania, la Grecia e la Turchia, abbiamo visitato luoghi d’incanto e a volte anche un po’ remoti come le Isole Strofadi e l’isola Kyra Panagia.

Hai conosciuto molte persone durante questi viaggi, sei rimasto in contatto?

Ho conosciuto persone che, ancora oggi, sento e ricordo con molto affetto. Altre, invece, continuano a navigare con me per brevi o lunghe rotte.

SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA baleari_blog_cover_umma

Come vorresti sviluppre il tuo progetto di vancanze sostenibile in barca a vela?

Vorrei realizzare un modello sostenibile di viaggio in barca in giro per il mondo, un viaggio per dedicare tempo a conoscere luoghi e persone e che conceda momenti di divertimento in compagnia dei vari ospiti.

Ho imparato a navigare in solitaria e ci ho preso molto gusto, ma condividere è sempre cio’ che preferisco. Infatti, mi piacerebbe creare una comunità’ di navigatori con cui condividere le mie tappe.

SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA isole_baleari_vela

SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA ummagumma_coppia_sorrisoHai fatto degli investimenti per realizzare questo progetto?

Per migliorare questo progetto in sicurezza e comfort, dopo sette anni di avventure con la mia Cassiopeja, ho pensato fosse arrivato il momento di cambiare casa.

Ummagumma, un Ovni di 14 mt. con il quale navigo oggi per il Mediterraneo, è l’espressione di questo sogno. Un sogno che sta cominciando a prendere colore.

L’esperienza acquisita in navigazioni di ogni tipo e le orecchie sempre alzate quando si parla di navigazione d’altura su qualsiasi rotta nazionale e internazionale, mi hanno portato a volere ancora di più. Mi hanno portato a comprendere quanto il mare trasmetta il vero senso della vita. Bisogna solo alzare le vele e andare nella direzione del vento.

Quali sensazioni ed emozioni ti regala questa vita in mare?

Il mare è una vasta distesa di acqua salata. La vastità che continua oltre, non appena pensi di averla superata. Quel non raggiungere che fa sognare.

SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA ummagumma_pranzo_blog1Una vastità tutta da esplorare. Tante miglia di nulla e di tutto, di acqua e di terre da raggiungere e conoscere. Miglia da percorrere, viaggiando e conoscendo se stessi e tutto quello che incontri. Situazioni, persone, luoghi. Un infinito susseguirsi di avvenimenti, di storie e di informazioni, le più varie, che sono lì, in attesa di essere vissute, codificate, lette.

Un elemento che collega due Mondi lontani, due continenti, due culture differenti, uomini diversi che conoscono storie diverse…

Vivere il mare in barca a vela consente tutto questo? Perchè?

Una barca e le molteplici possibilità che questa ti offre: Con una barca sei libero di fare come credi e quando lo credi; sei libero di partire quando lo ritieni più opportuno così come puoi restare; puoi interagire con le persone, come fare l’eremita per mesi.

Puoi stare anni in un luogo e l’indomani salpare e partire per nuovi lidi. Anche rimanere in navigazione finche’ hai cambusa e acqua dolce. Perché no, sempre in movimento, per mesi. L’hanno anche già fatto e non per forza con una barca tradizionale.

SIMONE UN MODELLO SOSTENIBILE DI VIAGGIO IN BARCA A VELA ummagumma_sail_blog1Ma che limiti ha questo stile di vita in mare?

Ci sono davvero pochi limiti dietro una vita spesa in barca e quelli che esistono sono ben noti. Primo tra tutti il fatto che non esiste legame fisico con nulla. Al contrario, ovunque sei, puoi creare legami sia con luoghi che con persone che porterai con te per tutta la vita.
Esplorare, dicevo, quindi viaggiare.
Ho sempre pensato che il viaggio fosse il regalo più bello che si può fare alla propria mente e, se legato ad una barca, il viaggio prende un sapore maggiormente sofisticato, un sapore d’altri tempi.

Contatti:

www.facebook.com/sailsquare

www.sailsquare.com

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: