Jeremy Kemp ha fondato un sito tramite il quale fornisce lezioni di inglese via Skype

Link Sponsorizzati


Jeremy è il fondatore e ideatore del sito Moxonenglish.com, e fornisce lezioni di inglese agli Italiani, via skype.
La missione di Jeremy è quella di modificare il modo in cui gli Italiani imparano l’inglese. Il progetto di base è quello di portare l’approccio tradizionale scritto, tipico delle scuole in Italia, verso un approccio attivo ed orale.
Ecco alcuni spunti offerti da Jeremy sui quali riflettere attentamente:

Link Sponsorizzati


inglese con Skype moxon englishCiao Jeremy, secondo la tua esperienza, da 1 a 10 quanto è importante la conoscenza dell’inglese per trasferirsi all’estero?
Direi 10. Non in tutti i Paesi del mondo, chiaramente, ma soprattutto per quelli anglofoni (Inghilterra, Australia, USA…). Non dimentichiamo, però, che anche in altri Stati dove l’inglese non è la lingua ufficiale, essa rappresenta in ogni caso la lingua dello studio e del lavoro.

E quale livello di conoscenza della lingua inglese suggeriresti ad un tuo amico o familiare?
Dipende da cosa vuoi fare. Meglio partire già con una base che ti permetta di comunicare e capire gli altri. Senza mille regole grammaticali, è bello avere la sicurezza di interagire con il prossimo.



A tuo avviso, quanto tempo ci vuole, in media, per arrivare a quel livello partendo da zero?
Una domanda da un milione di dollari… (!!). Per imparare l’inglese ci vuole una vita. Non è un progetto ‘a tempo’… però in sei mesi/un anno di lavoro intensivo, si può raggiungere un buon livello. Va anche considerato il punto di partenza: ci sono tanti Italiani che hanno studiato per anni l’inglese (vedi a scuola), ma non sono in grado di PARLARE in questa lingua. Quindi è meglio trasformare quella che è una conoscenza PASSIVA in una ATTIVA. Noi di Moxon cerchiamo di portare avanti il parlato e la comunicazione.

inglese con Skype moxon englishSecondo te ci sono delle differenze tra bambini, adolescenti e adulti nell’apprendimento? Oppure, tutto sommato, esiste un metodo ‘chiave’ che coinvolga qualsiasi generazione?
Ci sono alcuni principi universali. Un bambino che ha meno di sei anni fa meno fatica, in generale. Riesce ad imparare la lingua con facilità. Verso gli otto anni l’assimilazione delle regole e del parlato diventa più complicata. Bambini e adulti vanno comunque coinvolti ideando durante le lezioni alcuni giochini che riescano a mantenere viva l’attenzione e l’apprendimento.

Ci parli del metodo Moxon?
Si tratta di un metodo orale, parlato, attivo e pratico. Ma non è solo conversazione. Spaziamo tra la grammatica (anche se non insegnata come a scuola) e la pratica della lingua. Noi ci posizioniamo a metà: partiamo immediatamente con il parlato, seppur basato su attività strutturate per fornire in ogni caso le regole necessarie agli studenti a livello di termini e di grammatica. Meglio basarci sulla capacità del FARE e non del SAPERE.

inglese con Skype moxon englishHai anche pubblicato un libro, molto interessante, con tanti trucchi e consigli… ce lo riassumi brevemente?
Il libro ti aiuta ad imparare l’inglese, anche da solo! È sempre meglio avere una guida: potrebbe essere un insegnante madrelingua di Moxon, tramite skype, ma puoi anche chiedere ad un anglofono vicino a te. Distinguiamo subito le due parti che compongono il testo: l’allenamento (il ‘Practice’), e l’Immersion, ovvero il trovarsi in una situazione in cui sei costretto a parlare in inglese.

Ci fornisci qualche esempio?
Parliamo dell’allenamento nella memorizzazione dei vocaboli. Il metodo tradizionale ti fornisce un elenco di parole, ma non hai i mezzi per capire come utilizzarle. Le puoi memorizzare, certo, ma senza criterio. Il libro vuole fornirti un modo valido per collegare le parole con dei foglietti di carta, corredati da un’immagine e dalla parola. Lo studente deve ripetere le parole ad alta voce, partendo dal disegno, perché così è più semplice (memoria visiva). Pronunciare la parola ad alta voce, partendo dal concetto, è più efficace che memorizzare una sequenza di lettere.

Questo, però, è solo l’inizio.

inglese con Skype moxon englishPassiamo alla parte di immersione: devi imparare ad utilizzare quelle parole nel parlato, con giochi, attività varie o con la semplice comunicazione.
Un altro elemento importante dell’allenamento è la grammatica. Ma non bisogna pensare all’esercizio scritto. La grammatica vera è quella che utilizziamo parlando. I bambini imparano le regole semplicemente con la comunicazione, assimilando contemporaneamente le regole grammaticali.

Ecco le modalità per la pratica: si prendono alcuni foglietti. Ogni foglio rappresenta un elemento della frase. Quindi si può produrre un periodo grammaticalmente corretto. Ad esempio, per quanto riguarda i tempi verbali, tutti gli studenti iniziano le conversazioni sempre con il presente semplice. Anche se hanno passato anni a studiare le altre forme verbali. Anche se sono in grado di spiegare perfettamente la regola. Ma non l’hanno mai applicata nel parlato.

Ogni pezzettino corrisponde ad un elemento come soggetto, complemento, forma verbale o tipologia della frase (interrogativa, negativa, ecc.). Gli studenti, con il tempo e con l’esercizio, devono essere in grado di produrre verbalmente molte frasi di senso compiuto e grammaticalmente corrette. Sembra un metodo strano, difficile, ma non lo è. Funziona ed aiuta a memorizzare.

Noi Italiani siamo un po’ cocciuti quando si tratta di lingue estere… forse abbiamo ancora la concezione ‘Roma caput mundi’ e pretendiamo che tutto il pianeta riesca in qualche modo a comprenderci, mentre parliamo la nostra lingua, senza tener conto che siamo solamente noi a conoscerla, e spesso neanche molto bene! Da insegnante, come ci vedi?
Mi riferisco ai miei studenti skype: sono molto consapevoli dell’importanza dell’inglese e hanno una grande volontà. Sono persone che hanno una vita piena, tante cose da fare, ma comunque riescono a ritagliare un momento per lo studio dell’inglese.

inglese con Skype moxon englishAbbiamo un punto debole comune?
La grande paura degli Italiani è quella di avere una pronuncia pessima. Ma non è vero! Non è poi così brutta. Il problema è il timore di parlare. Ogni popolo ha una propria pronuncia particolare, ma l’importante è farsi capire al meglio. Mi rivolgo agli Italiani: fregatevene della pronuncia! Certo, va seguita, ma non in modo così scrupoloso. Bisogna parlare, parlare, parlare….

Ci elenchi i vantaggi delle lezioni via skype?
Abbiamo tanti studenti con vite frenetiche fatte di famiglia, impegni e lavoro. Hanno poco tempo. Seguono le nostre lezioni in alternativa ad un corso in una scuola di lingue, normalmente poco flessibile. Noi invece possiamo accordarci per un orario consono alla persona. Dall’ufficio, da casa, sul treno… Ogni momento può essere IL momento per imparare l’inglese.

inglese con Skype moxon englishCosa fanno nella vita i tuoi studenti?
Abbiamo tanti dipendenti, soprattutto di aziende multinazionali, ma anche di ditte che hanno a che fare con l’estero, per importazioni o esportazioni. Tanti professionisti, ingegneri, medici ed avvocati… anche loro hanno sempre di più a che fare con i Paesi anglofoni per il loro lavoro. Ci sono anche studenti che vogliono migliorare l’aspetto della comunicazione. Una piccola fetta lo fa semplicemente per passione.

Per il business, per la scuola, per un viaggio o per amore verso le lingue straniere, il metodo Moxon vuole darti una marcia in più per comprendere una volta per tutte, con pazienza e dedizione, come comunicare in modo efficace e diretto in lingua inglese.

Jeremy ofre ai lettori di MOLLOTUTTO due codici sconto per provare il suo sistema:

Sconto di 10 euro sui cicli da 10 ore: mollotutto10

Offerta speciale (prima ora a 5 euro) sulla lezione singola di 60 minuti (che serve come lezione di prova): mollotutto5

Se vuoi provare inserisci il codice che preferisci contattando Jeremy sul sito:  www.moxonenglish.com

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: