LAURA E TANCREDI SI INNAMORANO DELL’IRLANDA, MOLLANO TUTTO PER TRASFERIRSI A VIVERE A GALWAY

Link Sponsorizzati


LAURA E TANCREDI SI INNAMORANO DELL’IRLANDA, MOLLANO TUTTO PER TRASFERIRSI A VIVERE A GALWAY

In meno di 6 mesi Laura e Tancredi si annamorano dell’Irlanda e prendono casa a Galway dove aprono una filiale EazyCity, agenzia leader nel settore dei soggiorni studio e lavoro in Irlanda.

Link Sponsorizzati


Chi è Laura: Ciao a tutti! Sono Laura, nata e vissuta nella calda Sicilia, e ho appena compiuto i miei “primi 40 anni” nella verde terra di Irlanda. Sono una felicissima mamma di due bimbi e compagna di vita di Tancredi. Amante della natura, dei viaggi e della compagnia.

Chi è Tancredi: Ciao Ragazzi! Mi chiamo Tancredi, nasco nel capoluogo della calda Sicilia ma passo i primi anni d’infanzia in Canada, da dove probabilmente proviene il mio amore smisurato per la natura ed i viaggi. Ho sempre sostenuto che spendere i soldi per un viaggio è il miglior investimento possibile … i ricordi indelebili resteranno sempre con te…



 Come sei arrivato in Irlanda? E cosa facevi prima?

L: In Italia ho vissuto tante esperienze lavorative, mi sono occupata di ingegneria civile, di tutela ambientale e di assistenza alle aziende. Ho sempre avuto una passione per la consulenza in campo immobiliare e ho coltivato anche quella per l’accoglienza di turisti in case-vacanza (come quella mia e di Tancredi in Sicilia).

 T: Sono arrivato in aereo…scherzo…Prima di trasferirmi qui non ci avevo mai messo piede. Mi sono fidato di Laura. Quando sono sceso dall’aereo, a Dublino, ho avuto una bellissima sensazione positiva…e mi sono detto “qui vivrò”!

Prima di arrivare in Irlanda ho fatto diverse esperienze lavorative che mi hanno portato sempre a viaggiare, certe volte per scelta e certe volte per necessità…in Sicilia non è mai stato semplice lavorare…Ho lavorato come geologo nelle piattaforme petrolifere in giro per il mondo, come guida trekking sui vulcani siciliani e campani, come fotografo freelance e scritto reportage in Asia, Africa e Sud America per riviste di viaggio/turismo. Negli ultimi anni mi sono occupato della organizzazione di tour, gestione clienti e case vacanze.

TRASFERIRSI A GALWAY Laura e Tancredi vivere in Irlanda EazyCityPerché hai deciso di trasferirti a vivere a Galway?

 L: Per anni io e Tancredi abbiamo viaggiato alla ricerca di un paese dove trasferirci, che fosse un posto naturale, civile, accogliente e amichevole. A 18 anni ho trascorso un bellissimo soggiorno studio in Irlanda e non ho mai dimenticato quanto fosse bella! E così un anno fa abbiamo fatto il grande passo…abbiamo scelto Galway perchè è un ottimo compromesso tra una grande ed una piccola città. E’ vivace, accogliente, facile da vivere e offre tantissime opportunità per qualsiasi età ed esigenza (turismo, lavoro, eventi, etc).

 T: Più che un’esperienza abbiamo proprio deciso di trasferirci e vivere qui con i nostri due figli (Elia di 8 anni ed Andrea di 6 anni). Abbiamo scelto Galway perché sapevamo che fosse una città molto friendly, sicura e a misura di famiglia … ed è tutto verissimo!

Quali sono le differenze tra il lavorare in Italia e lavorare a Galway?

 L: Ho sempre amato l’idea di sviluppare un mio progetto lavorativo ma per vari motivi in Italia ho spesso trovato impedimenti (per le tasse, per la difficoltà del mercato lavorativo, per il limitato supporto alle start up/piccole aziende). Qui in Irlanda, e a Galway in particolare, ho subito avvertito un’atmosfera diversa, proattiva e stimolante. In generale, se vuoi lavorare qui, devi certamente possedere un livello medio-alto di conoscenza dell’inglese e di requisiti professionali (qualsiasi sia il mestiere che vuoi svolgere), ma al contempo hai concrete possibilità di approcciare ad un datore di lavoro e di imparare a parlare fluentemente l’inglese in poco tempo. E poi la gente irlandese ama aiutare gli altri e basta poco per entrare in sintonia con loro.

T: Purtroppo in Italia la burocrazia rende tutto molto lento ed estenuante. Qui è tutto più veloce e dinamico. Si lavora con molta più serenità, e questo modo di affrontare la vita già si avverte in età scolastica. Infatti è stata una vera sorpresa osservare come funzionino le scuole dei nostri stessi figli… fantastico … è proprio un sistema diverso. Sembra non esistere il nervosismo e lo stress che esiste in Italia nella vita quotidiana. E’ difficile ricevere una risposta sgarbata, e le persone sono sempre molto, incredibilmente, gentili.

C’è stato un momento in cui ti sei innamorato/a dell’Irlanda?

 L: A 18 anni ho provato fortissime emozioni difronte alle Cliffs of Moher e da lì non ho mai più dimenticato la bellezza della natura e dei paesaggi irlandesi. Oggi che qui vivo con Tancredi e i nostri figli, apprezzo la serenità della vita quotidiana, l’amicizia delle persone che ho incontrato, la voglia di andare avanti che un posto come l’Irlanda ti può trasmettere.

 T: Un giorno camminavo mano nella mano con mia moglie in uno dei tanti parchi, pulitissimi e verdissimi, che si trovano a Galway, e vedevo i nostri figli giocare spensierati e ridere di cuore … Ho avuto la consapevolezza di aver fatto la scelta giusta per me e la mia famiglia.

Cosa ti piace di più del vivere all’estero?

L: Inizialmente pensavo che fosse troppo difficile lasciare il posto in cui sei nata e cresciuta per oltre 30 anni, invece oggi dopo quasi un anno mi sento già a casa! Mi piace il fatto che da qui intravedo il futuro, così come lo desidero per me e la mia famiglia, mentre prima di partire non riuscivo a sperare in una vita più stimolante. Mi piace il fatto che oggi possa chiacchierare in lingua inglese senza difficoltà e che I miei figli siano già bilingue! E in particolare mi piace vivere in un posto dove si respira ottimismo e intraprendenza.

 T: Si vive con molta più serenità, ci si confronta con diverse culture, si fanno nuove amicizie. Una sensazione stupenda è vivere in un paese dove le cose funzionano e dove non si sente il lamento come un sottofondo perpetuo in ogni conversazione. A Galway quando si incontra una persona, che si conosca oppure no, si dice “Hi, how are you?”, si fa un sorriso e si inizia la conversazione. E’ proprio un approccio umano diverso. L’irlandese è una persona sincera, diretta ed amichevole. E’ davvero disponibile ad aiutarti senza alcun doppio fine, ti incoraggia e cerca di darti un consiglio giusto. Bellissimo è sentire il senso della comunità che c’è qui.

TRASFERIRSI A GALWAY Laura e Tancredi vivere in Irlanda EazyCityCosa pensi che serva per andare all’estero? Di quali qualità / competenze hai bisogno per partire con più serenità?

L: Spesso in Italia si passa fin troppo tempo a studiare e ad accumulare titoli professionali; certamente si acquisiscono tante competenze e il livello di istruzione-formazione è alto, ma, ad esempio in Irlanda, I recruiters preferiscono leggere nel CV quale sia la tua “specialità”, la strada professionale che hai intrapreso in maniera univoca. Quindi prima di partire è bene costruire un CV focalizzato sulle effettive competenze acquisite, sulle capacità sviluppate e incentrato su un profilo in particolare. Per far ciò è bene rivolgersi a qualche consulente locale anche prima dell’arrivo. Infine ritengo che un livello buono di conoscenza della lingua inglese parlata sia essenziale da acquisire (con dei corsi sia nel proprio paese sia nello stesso paese di destinazione), prima ancora di proporsi per un annuncio di lavoro.

T: Un corso d’inglese, molto meglio se seguito direttamente nel paese dove si va. Avere la possibilità di fare una full immersion nella lingua e nello stesso tempo fare subito amicizie con tanti ragazzi. Così s’impara davvero la lingua e molto più velocemente di quanto si farebbe in Italia. Per quanto riguarda le qualità/competenze posso dire che bisogna credere in sè stessi ed avere tanta voglia di fare. All’estero esiste la meritocrazia e sicuramente qualche porta si apre.

Ripensando al tuo trasferimento a Galway, c’è qualcosa che faresti diversamente? Cosa avresti voluto sapere prima di partire?

L: Nel trasferirisi ci sono persone che vogliono fare tutto da sè, come noi, ed altre che preferiscono non avere troppe sorprese all’arrivo e non perdere tempo in procedure burocratiche. Probabilmente avremmo dovuto affidarci a qualche agenzia di servizi per la ricerca della casa fin dall’Italia e per la introduzione al mondo lavorativo irlandese.

 T: Spedire pacchi da e per l’Irlanda può essere costoso quindi organizzare per bene le cose da portarsi, anche se è pur vero che qui ci sono tanti store per vestirsi a prezzi abbordabili.

TRASFERIRSI A GALWAY Laura e Tancredi vivere in Irlanda EazyCity

Quale consiglio daresti al tuo io passato in procinto di lasciare l’Italia?

L: Se potessi tornare indietro probabilmente porterei con me meno dubbi e ancora più entusiasmo! Adesso l’ottimismo e la gioia del vivere in un paese civile e che “funziona” hanno preso il sopravvento e non ho alcun rimorso! Sicuramente avrei dovuto portare meno t-shirts e più cappotti!

 T: …se dovessi tornare indietro nel tempo direi a Tancredi e Laura…partite prima!… 🙂

Contatta Laura e Tancredi

Se hai intenzione di venire a Galway per:

  • Un soggiorno studio
  • Alla ricerca di uno stage
  • Alla ricerca di un lavoro
  • In vacanza
  • O semplicemente per venirci a trovare

Contattaci per qualsiasi richiesta / curiosità a: galway@eazycity.com

Visita il sito dell’agenzia http://galway.eazycity.com

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: