Luca Viola si è trasferito a Vivere nelle Filippine dove lavora organizzando viaggi e spedizioni a tema

Link Sponsorizzati


LUCA VIOLA SI E’ TRASFERITO A VIVERE NELLE FILIPPINE DOVE LAVORA ORGANIZZANDO VIAGGI E SPEDIZIONI A TEMA

A Luca non andava più l’idea di vivere in Italia, voleva una vita diversa all’insegna dell’avventura. Un giorno decide e parte con la fidanzata per il Borneo anche se in realtà non era la loro meta definitiva, infatti ora vivono nelle Filippine sull’Isola di Palawan dove organizzano viaggi e spedizioni a tema per tutto le destinazioni del Sud est Asiatico… “Ho mollato tutto e via, verso una vita diversa che mi ha permesso di conoscere meglio me stesso”.

Link Sponsorizzati


Luca Viola trasferirsi vivere Filippine Ciao Luca, raccontaci un po’ di te..
Ciao, sono Luca Viola, sono nato in Sicilia e nel 1998 mi sono trasferito in Toscana dove studiavo Scienze Politiche a Pisa. Ho lavorato poi in una casa farmaceutica nella zona di Lucca per quasi 6 anni.

Come mai hai deciso di lasciare l’Italia?   
Tutto questo mi stava stretto e l’idea di trascorrere 35-40 anni a fare analisi di laboratorio la trovavo impensabile; allora cosa ho fatto? Ho mollato tutto e via, verso una vita diversa che mi ha permesso di conoscere meglio me stesso.



E dove ti sei trasferito?
Il mio arrivo nel Borneo è stato subito all’insegna dell’avventura, il clima, la gente, gli odori tipici dell’Asia per le strade di Kota Kinabalu, la capitale dello
stato del Sabah, nel Borneo Melese. Tutto mi ha avvolto subito. Era il settembre del 2005, quando siamo atterrati qui con mia moglie. In realtà il Borneo non l’avevamo scelto come destinazione per viverci, avevamo girato parecchio l’Asia per vacanza visitando posti come la Thailandia, Vietnam, Cambogia, Indonesia e ci eravamo letteralmente innamorati di questo continente, tant’è che se ci fosse capitata l’occasione, saremmo immediatamente ripartiti per viverci.

Luca Viola trasferirsi vivere Filippine E adesso dove vivi?
Pochi mesi fa ci siamo trasferiti nelle Filippine sull’isola di Palawan. Viviamo nella capitale, Puerto Princesa
 
Sei partito con la partner?
Con l’allora mia fidanzata. Oggi mia moglie.

Adesso di cosa ti occupi?
Dopo quasi sei anni di lavoro per operatori turistici, che vendevano e continuano a vendere prodotti turistici senza tenere conto dei benefici per la popolazione locale (della serie ti uso e ti getto), ho deciso che ne avevo abbastanza e ho iniziato il mio progetto Naturalis. Ma la mia precedente esperienza mi ha aiutato. Infatti durante i miei primi sei anni, ho accompagnato tanti turisti, quasi tutti italiani ed ho imparato un sacco di cose; ho passato momenti molto belli e ho avuto la possibilità di viaggiare tantissimo (a volte prendevo otto aerei al mese); ma dentro di me c’era un senso di tristezza perché volevo che quei turisti visitassero il vero Borneo, quello selvaggio, quello dove la gente parla e interagisce con gli indigeni e mi sono ripromesso che un giorno l’avrei fatto. Per questo, nel 2011, è partito il mio progetto Naturalis, che si rivolge a tutti e che organizza viaggi e spedizioni a tema per il Borneo e per tutto il Sud Est Asiatico.

Luca Viola trasferirsi vivere Filippine Hai avuto problemi per quanto riguarda il  visto?
Nessun problema con i visti. Ho sempre avuto il permesso di lavoro con durata di 2 anni, rinnovabile.

Quali differenze sostanziali hai avuto modo di riscontrare nelle Filippine a livello lavorativo rispetto all’Italia?
Sembra un’assurdita’ ma qui lavoriamo molto di piu’ rispetto all’Italia, ma si lavora in modo rilassato senza troppe pressioni. Questo mi permette di rendere di piu’ in quanto il sistema e la cultura e’ completamente diverso. Qui hai la possibilita’ di fermarti quando vuoi e sviluppare le tue idee con molta tranquillita’. Diciamo che sono molto piu’ ispirato sia sul lavoro che nella vita.

E nel Borneo invece?
Pur essendo Malesia, almeno per la parte settentrionale il Borneo è un posto a sé, anche perché la forte connotazione etnica (gli indigeni locali) lo differenzia parecchio dalla moderna e cementificata Peninsula con la capitale Kuala Lumpur che sfodera grattacieli a non finire e soprattutto le maestose torri Petronas, che sono un fiore all’occhiello di modernità e progresso. Il Borneo è ancora selvaggio, in molte delle sue zone è puro, vergine, inesplorato e quindi più vivibile e affascinante. Nello stesso tempo però, qui si trova tutto; nei supermercati si trova la Nutella, la pasta di tutte le marche inclusa la Barilla e tantissimi prodotti occidentali che, insieme a tutti i prodotti asiatici, offrono una vastissima scelta per cucinare e vivere normalmente senza fare eccessivi sacrifici economici. Qui infatti, lo stipendio medio è di 300 euro al mese, ma c’e’ chi ne guadagna meno e altri che ne guadagnano di più; diciamo che se disponi di 500-600 euro al mese riesci davvero a vivere bene, al di sopra degli standard italiani.

Luca Viola trasferirsi vivere Filippine Come è avvenuta la tua integrazione in una realtà locale differente da quella italiana?
Direi bene. Se consideriamo che il Sud Est Asiatico e’ una realta’ completamente diversa rispetto all’Italia e Occidente in generale. All’inizio ci sono state delle difficolta’ di ambientamento legate soprattutto alla lingua, ma dopo e’ stato un percorso in ascesa. Il cibo, il clima (caldo) e l’interazione con i locali non sono stati un grosso ostacolo.

Vivere prima in Borneo e adesso nelle Filippine, lato positivo e negativo?
Tantissimi sono i lati positivi nel vivere nel Sud Est Asiatico e cioe’ il clima, i colori della natura e la spiritualita’. La gente si arrabbia raramente, tutti cercano di avere un approccio positivo con gli altri e in generale con la vita. Si vive in maniera semplice, senza eccessi, anche perche’ vivendo qui mi sono accorto che in Italia e in Occidente abbiamo tutto e non siamo mai contenti. Qui ci sono realta’ di estrema poverta’ e nonostante tutto la gente ride, balla e canta pur non avendo niente.

Cosa ti manca dell’Italia?
Dell’Italia mi manca la mia famiglia, i teatri, i concerti musicali e in generale l’atmosfera che si respira nelle nostre citta’. Mi manca la “bellezza” del nostro Paese. L’Italia e’ il paese più bello del mondo.

Luca Viola trasferirsi vivere Filippine Cosa consigli a chi vorrebbe seguire i tuoi passi?
Poche cose ma secondo me molto importanti.
–    Avere un po’ di sana incoscienza
–    Essere flessibili
–    Credere in quel che si vuole fare
Se vi mancano queste tre cose, vivere all’estero e nel mio caso in Asia, vi assicuro che e’ molto dura.

Che tipo di lavoro o attività pensi sia conveniente praticare per un Italiano nel Borneo o Filippine?
Essendo “figlio” della tecnologia, credo che i migliori investimenti sia nel Borneo che nelle Filippine, siamo quelli legati al mondo di internet. C’e’ ancora tanto spazio per realizzare i vostri sogni da queste parti. L’importante e’ avere l’idea giusta e svilupparla attraverso la tecnologia. Il mio lavoro e’ 95% online. Questo permette di abbattere i costi e rivolgermi a un pubblico molto ampio. Il vantaggio di avere un’attivita’ online in Sud Est Asiatico e’ quella di avere costi della vita relativamente bassi.

Conosci molti Italiani che vivono nelle Filippine? Li frequenti?
Si certamente, gli italiani sono dappertutto e ne frequento alcuni con cui ho piu’ cose in comune. Tuttavia ho molti piu’ amici stranieri che Italiani, soprattutto Inglesi, Americani e Tedeschi.

Consiglieresti il Borneo e le Filippine come mete per espatriare o più per una vacanza?
Entrambe le cose. Borneo e Filippine sono destinazioni meravigliose per i viaggi, ma anche viverci non e’ poi cosi male. Forse, ci sono altre destinazioni che consiglierei di piu’ per espatriare, come Thailandia e Bali.
Io ho scelto posti poco comodi, ma e’ proprio questo che mi fa sentire bene.

I nostri siti internet:

www.naturalis-asia.com
www.travel-palawan.com
www.blog.naturalis-expeditions.com

Di Maria Valentina Patanè

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: