Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari in Australia a Canberra

Link Sponsorizzati


MARIA ELISA MARCHETTI VIVE E LAVORA COME RAGAZZA ALLA PARI IN AUSTRALIA A CANBERRA

Maria Elisa, 19 anni, terminata la scuola superiore, decise di prendersi un anno per interrompere la sua routine scolastica, imparare l’inglese e guardarsi un pò’ intorno; l’Australia non è stata una scelta, ma un caso scaturito dall’incontro con la famiglia che la ospita come ragazza alla pari a Canberra:… avevo voglia di imparare l’inglese durante la mia avventura e nella ricerca della famiglia che mi avrebbe ospitato ho contattato diversi genitori in Inghilterra, America, Irlanda e Australia. Avrei preferito rimanere più vicino a casa e andare a Londra ma poi ho conosciuto una fantastica famiglia e sono arrivata qui… Sono partita completamente da sola, senza avere nessuna conoscenza qui a Canberra, proprio perchè lo scopo di questa avventura era di affrontare un cambiamento di vita da sola…”

Link Sponsorizzati


Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraCiao, raccontaci un po’ di te… come ti chiami, di dove sei e cosa facevi quando eri in Italia?
Ciao, mi chiamo Elisa, ho 19 anni e in Italia ho studiato fotografia all’ITSOS Albe Steiner di Milano.



Quando e perché è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia?
A settembre 2013, quando ho iniziato la quinta superiore, ho subito pensato a cosa avrei voluto fare quest’anno, non ho scelto la strada dell’università per non buttarmi a capofitto su una decisione presa magari un po’ troppo prematuramente, istintivamente ho pensato che la cosa migliore per me sarebbe stata quella di partire e prendermi un anno per cambiare un po’ la mia routine.

Perché hai scelto proprio l’Australia e perchè proprio Canberra?
La città, come anche il paese, l’Australia, non sono state una mia decisione, avevo voglia di imparare l’inglese durante la mia avventura e nella ricerca della famiglia che mi avrebbe ospitato ho contattato diversi genitori in Inghilterra, America, Irlanda e Australia.
Avrei preferito rimanere più vicino a casa e andare a Londra ma poi ho conosciuto una fantastica famiglia e sono arrivata qui.

Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraAvevi già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?
Ho viaggiato molto da sola e con gli amici ma non ho mai vissuto a lungo lontano da casa, questa è la mia prima esperienza.

Sei partita da sola o con il partner o amici?
Sono partita completamente da sola, senza avere nessuna conoscenza qui a Canberra, proprio perchè lo scopo di questa avventura era di affrontare un cambiamento di vita da sola.

In che cosa consiste la tua attività?
La Ragazza alla pari si inserisce in un nucleo famigliare come membro di esso, quindi come figlia e sorella/fratello, la cosa più importante è proprio la ricerca di questa sintonia famigliare che resta distaccata dall’ambito lavorativo.
Per ogni famiglia ed ogni paese cambiano molte cose, il contratto viene stipulato e firmato da entrambe le parti, dalla ragazza e dai genitori, nel mio caso, come nella maggior parte, devo occuparmi dei bambini durante il giorno e dare una mano in casa come ogni altro membro della famiglia.
Il mio lavoro è pagato e vitto-alloggio sono offerti dalla famiglia per tutta la durata del mio soggiorno.

Come hai affrontato e risolto il problema del visto?
Il visto può spesso sembrare un problema se non si sa esattamente a chi rivolgersi, per me non è stato un grosso problema, mi è stato suggerito un sito australiano su cui richiedere il permesso del visto che mi è stato accettato in meno di sette giorni, l’unico problema può essere quello economico non essendo basso il costo del visto Working Holiday valido per 12 mesi.

Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraQuali differenze sostanziali hai avuto modo di riscontrare a livello lavorativo, nel tuo settore di baby sitter e aupair, rispetto all’Italia?
Ho sempre avuto a che fare con i bambini perchè mia mamma, da molti anni, ha un asilo nido in famiglia e tramite il suo lavoro ho potuto imparare molto nella gestione dei bambini ed ho anche avuto parecchie esperienze di baby sitter, questo mi ha aiutato molto una volta arrivata qui ne saper interagire in modo corretto con i bambini ma l’esperienza di ragazza alla pari è molto differente in quanto nasce, col passare dei giorni, un rapporto di affetto nei confronti dei bambini e dei genitori che vivono con te 24 ore su 24.

Cos’altro hai notato della società australiana?

purtroppo non ho ancora avuto modo di capire con chiarezza le dinamiche politiche dell’Australia ma ho potuto notare con dispiacere che i giovani, per quanto riguarda Canberra, sono totalmente disinteressati della politica e questo vale anche per la maggior parte degli adulti.
I prezzi sono decisamente più alti rispetto all’Europa e l’immigrazione, soprattutto da parte dell’Asia dell’est, è tantissima.
La maggior parte di immigrati provengono da Cina e India.
La cultura è basata principalmente su quella degli antenati aborigeni, essendo questo un continente coloniale, ma nei musei, che sono tantissimi, splendidi e la maggior parte gratuiti, si può conoscere molto sulla storia di questo Paese.

Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraCome è avvenuta la tua integrazione in una realtà locale sostanzialmente differente da quella italiana?
Non è stato facile, la lingua presenta spesso un grande ostacolo, non sapersi esprimere perfettamente e non riuscire a capire facilmente puo’ mettere molto a disagio, per questo io non ho mai rifiutato un invito ad uscire, anche con persone che non conoscevo per avere la possibilità di migliorare sempre il mio inglese e avere l’opportunità di incontrare molte persone e trovare quelle più adatte a me.
Canberra è molto differente dalla realtà milanese a cui ero abituata, il clima caloroso italiano è difficile trovarlo in questa città, ma trovando le persone giuste e non ponendosi troppi pregiudizi sono riuscita a conoscere nuove persone.

Vivere in Australia, sotto quali aspetti è meglio che in Italia? E sotto quali aspetti è peggio?
L’aspetto migliore è sicuramente quello delle opportunità di studio e lavorative che ti offre l’Australia, motivo per la quale molti italiani vivono oggi qui.
L’unico aspetto negativo che ho riscontrato fino ad ora è il rapporto spesso freddo e superficiale che si ha ad un primo approccio con le persone e sicuramente la difficoltà nel muoversi dalla periferia al centro città o dalla città ad altri territori, soprattutto per l’elevato costo dei mezzi.

Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraCosa consiglieresti ad altri italiani che desiderassero seguire le tue orme e provare un’esperienza aupair o baby sitter?
Consiglio prima di tutto di avere molta pazienza nella ricerca della famiglia, la cosa più importante è trovarsi bene e riuscire a comunicare con i genitori che ti ospitano, di prendere questa esperienza non come una vacanza ma come un lavoro vero e proprio, pensando alla possibilità di guadagno e di autogestione delle proprio finanze, così da godersi ancora meglio la parte di svago che ci si puo’ di certo concedere ogni tanto.

Consideri l’Italia un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca quando sei via?
Mi piace aver cambiato abitudini e mi piace imparare nuove cose ogni giorno, sento tantissimo però la mancanza della mia famiglia, dei miei amici e dei luoghi che ero abituata a frequentare, per fortuna con skype ci si tiene sempre in contattato e sono sicura che ne varrà la pena!

Che tipo di lavoro, attività pensi sia conveniente praticare per un italiano a Canberra?
Per fare il/la ragazzo/a alla pari bisogna saper stare con i bambini, se questo non è tra i nostri interessi consiglio di non imbattersi in questa avventura e piuttosto cercare un lavoretto semplice in un bar/ristorante, venire qui e una volta in città darsi da fare per trovarsi una stabilità.

Conosci molti italiani che vivono a Canberra, li frequenti?
Ci sono moltissimi italiani a Canberra e ne ho conosciuti alcuni, grazie a loro ho conosciuto poi molti altri ragazzi australiani e non solo, in ogni città il/la ragazzo/a alla pari si conoscono facilmente tramite i gruppi su facebook e si trovano spesso per uscire assieme e condividere le esperienze.
Io frequento ragazzi australiani e italiani ma ho avuto la possibilità di conoscere giovani da quasi ogni parte del mondo, soprattutto europei.

Maria Elisa Marchetti ragazza alla pari Australia CamberraConsiglieresti Canberra più come meta per espatriare o più per una vacanza?
Canberra è una città molto vivibile se si vuole lavorare ed avere una città tranquilla in cui vivere, il motivo per la quale è la capitale è proprio la sua quiete, che differenzia molto da Sydney e Melbourne, mete adatte più a vacanze e svago.



Email: marchetti.mariaelisa@gmail.com

 

 

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: