Marco Nuti si è trasferito a Pretoria in Sud Africa

Link Sponsorizzati


MARCO NUTI SI E’ TRASFERITO A VIVERE A PRETORIA IN SUD AFRICA

Marco, terminato il servizio militare, negli anni ’70 decise di emigrare in Sud Africa, non per necessità di lavoro, ma perchè voleva fare conoscenze ed esperienze nuove. Aveva 23 anni, e rimase là dal ’78 all’85 lavorando nel settore tessile… Dopo essersi sposato ed essere ritornato in Italia oggi ha deciso di ritornare a vivere in Sud Africa. “… Quando sono venuto la prima volta mi sono integrato benissimo, era tutta un’altra cosa. Adesso tutto è cambiato in peggio. Secondo me parlando di sicurezza, nonostante tutti i problemi che ci sono, si vive ancora molto meglio in Italia. Noi per esempio abitiamo con i genitori di mia moglie, appena fuori Pretoria in una grande casa,  grande giardino con muro di cinta alto più di 2 metri, e ogni porta e finestra per protezione ha cancelli e inferriate, in più sistema di allarme in quasi tutte le stanze. Nemmeno ad Alcatraz!”

Link Sponsorizzati


Marco Nuti vivere in Sud AfricaCiao Marco, raccontaci un po’ di te… come ti chiami, di dove sei e cosa facevi quando eri in Italia?
Mi chiamo Marco Nuti, nato a Prato 59 anni fa, ma tutti mi dicono che dimostro 10 anni di meno. Dall’età di 18 anni, quando ho avuto l’opportunità, ho girato un pò per il mondo. Quando ero in Italia lavoravo nel tessile in rifinizione tessuti. Poi finito il servizio militare, sono emigrato in Sud Africa, non per necessità di lavoro, ma perchè volevo fare conoscenze e esperienze nuove. Avevo 23 anni, e sono rimasto là dal ’78 all’85. Per 4 anni ho lavorato per una ditta di Prato, (Aranda Textile, che c’è ancora ed è anche su Facebook), situata a Randfontein,  dista circa 45 km da Johannesburg, poi con la mia ragazza sudafricana nell’82 ci siamo trasferiti a Durban e li ho lavorato sempre nel tessile, 3 anni per una ditta Israeliana, (Frame Group). Nell’84 mi sono sposato, e l’anno dopo siamo tornati in Italia.
 
Quando e perché è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia e perché hai scelto proprio il Sud Africa e quale città??
Ora sono tornato qua per fare contenta mia moglie che è di Pretoria, e anche perchè sono disoccupato da anni.



Marco Nuti vivere in Sud AfricaAvevi già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?
La mia è una storia un pò particolare. Questa è la terza volta che mi trasferisco in Sud Africa. Tra me e mia moglie ci sono stati un pò di up and down, e in tutti questi anni ho visitato anche altri paesi come il Venezuela, l’Argentina, il Suriname ed il Brasile, oltre ad essere tornato qua in vacanza almeno una decina di volte. Da un viaggio in Brasile nel’92, sono diventato cacciatore e collezionista di farfalle e lo sono tuttora.  Nostro figlio Alexander è nato a Rustenburg Sud Africa, nel Settembre 93. Dall’Aprile scorso si è stabilito a Londra.

Come hai organizzato il trasporto dei tuoi beni e a chi ti sei affidato?
Il trasporto dei nostri effetti personali lo abbiamo affidato alla Netconsolidator, e proprio ieri ci è arrivato il container senza problemi.

Marco Nuti vivere in Sud AfricaCome hai affrontato e risolto il problema del visto?
Per venire in Sud Africa non c’è bisogno del visto, che viene effettuato all’arrivo ed è valido 3 mesi.

Quali differenze sostanziali hai avuto modo di riscontrare a livello lavorativo rispetto all’Italia?
Anche qua c’è una crisi profonda. Popolazione 52 milioni, disoccupati 5 milioni. Per il poco lavoro che c’è viene data la precedenza ai “neri”. Vedere  bianchi in giro a chiedere l’elemosina fa un certo effetto. Poi, criminalità altissima, e a livello politico forte corruzione. Quando sono venuto la prima volta mi sono integrato benissimo, era tutta un’altra cosa. Adesso tutto è cambiato in peggio. Secondo me parlando di sicurezza, nonostante tutti i problemi che ci sono, si vive ancora molto meglio in Italia. Noi per esempio abitiamo con i genitori di mia moglie, appena fuori Pretoria in una grande casa,  grande giardino con muro di cinta alto più di 2 metri, e ogni porta e finestra per protezione ha cancelli e inferriate, in più sistema di allarme in quasi tutte le stanze. Nemmeno ad Alcatraz!

Marco Nuti vivere in Sud AfricaCosa consiglieresti ad altri italiani che desiderassero seguire le tue orme?
Agli italiani che desiderassero seguire le mie orme, direi onestamente di non venire ad abitare qua. Conosco diversi italiani che vorrebbero venire via e non riescono a vendere la casa per via della crisi.

Consideri l’Italia un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca da quando sei via?
Nonostante i problemi che ci sono, ho già nostalgia dell’Italia, e mi manca un pò tutto.

Consiglieresti il Sud Africa più come meta per espatriare o più per una vacanza?
Venire in vacanza va bene, è anche conveniente e interessante.

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: