Praga, un viaggio alla scoperta della città dei Boemi

Link Sponsorizzati


PRAGA: UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLA CITTÁ DEI BOEMI

C’è un detto che dice “Chi nasce boemo, nasce violinista”.
Ho sempre amato la musica classica, non a caso intrapresi durante la mia gioventù, lo studio di due strumenti “classici”: chitarra e violino. Il mio compositore preferito era e rimane Wolfgang Amadeus Mozart. Quando con i miei genitori si decise di andare a trascorrere le vacanze estive a Praga non mi sembrava vero di avere la possibilità di accarezzare con i miei piedi le stesse strade attraversate a suo tempo da Mozart…
Qui a Praga ho trovato dei veri boemi violinisti ed ho potuto accertare di persona che ciò non è solo un detto o una leggenda, ma è realtà.

Link Sponsorizzati


viaggio a Praga città dei BoemiPraga è una città dal passato glorioso e dal futuro luminoso; teatro della “Rivoluzione di velluto” ha portato il paese, la Cecoslovacchia, fuori dal Comunismo e ha aperto con una ventata di libertà le porte della città al resto del mondo.
Praga è una città unica, ma che conserva in sé tante facce diverse dal carattere deciso. Lo dimostrano i suoi quartieri: Hradcany, Malà Strana, Staré Mesto, Nové Mesto, che si adagiano intorno al fiume Moldava che l’attraversa.
Come altre famose città europee anche Praga è la culla di artisti e scenario di opere tra le più importanti come il Don Giovanni di Mozart o il Faust di Goethe. E aver assistito alla rappresentazione del Don Giovanni di Mozart in uno dei tre teatri nazionali della Repubblica Ceca, rimane ancora oggi una delle più belle esperienze della mia vita.



viaggio a Praga città dei BoemiPartiti in macchina alla volta di Praga con sosta intermedia in un’altra incantevole città europea, abbiamo visitato i siti più caratteristici e importanti della città. Il tutto accompagnato, per nostra fortuna, da un vivace cielo azzurro e un sole splendente. Praga, come già accennato, è divisa in quattro aeree principali, che racchiudono le principali attrazioni della città. Staré Mesto, che conserva la città vecchia e il quartiere ebraico. Malà Strana, la parte piccola della città con il suo pittoresco Ponte Carlo, da quale si può ammirare il Moldava e la collina con il Castello. A Nové Mesto invece sorge la città nuova, che conserva la “Piazza dell’orologio”.

Visitiamo la città seguendo il normale percorso che l’attraversa. Appena passate le 12 e aver assistito ai 12 rintocchi dell’orologio astronomico costruito nel 1410, (l’orologio è composto da un doppio quadrante di epoca tardo gotica e decorato superbamente. Allo scoccare di ciascuna ora sfila, allegoricamente animato, il corteo di Cristo e degli Apostoli), e dopo aver pranzato nel pittoresco centro città a Nové Mesto, come se fossimo immortalati all’interno di una cartolina. Oltrepassata la grande piazza Staromestské si erge imponente la Chiesa della Vergine Maria davanti a Tyn. Le sue due possenti torri le vediamo innalzarsi per 80 metri.

viaggio a Praga città dei BoemiRiprendiamo il cammino attraverso il celebre Ponte Carlo, il quale collega le due parti della città, sospeso sopra il Moldava. Il Ponte Carlo fu costruito nel 1357 e dal 1870 fu intitolato all’imperatore Carlo IV, per questo oggi Ponte Carlo. Il Ponte ha una struttura gotica formata da 16 piloni e 31 statue allegoriche. L’attuale Ponte ricalca il precedente ponte, che fu dedicato a Juditta, moglie di Re Vladislao I e distrutto nel 1342 da una piena del Moldava.
Oggi il ponte Carlo regala indimenticabili e romantici tramonti, è un ideale punto d’incontro; inoltre qui si possono ancora trovare gli artisti di strada, come pittori, artigiani e musicisti, come gli immancabili violinisti.
Non potevamo rinunciare a una visita al quartiere ebraico, con la sua Sinagoga più antica d’Europa, nella zona di Staré Mesto. Durante la visita al cimitero ebraico non sono mancati i Corvi neri, che hanno reso l’atmosfera di questo luogo più lugubre del normale!

Il sito di maggiore interesse turistico della città è Hradcany, con il suo imponente Castello e la leggendaria Cattedrale di San Vito.  Il Castello che domina superbo la città è oggi la residenza ufficiale del Capo del Governo della Repubblica Ceca. Con i suoi monumentali edifici, come uffici amministrativi, chiese, pinacoteche e ristoranti, quest’area può essere considerata a tutti gli effetti una città nella città.

Percorrendo le strade interne ci imbattiamo nel Vicolo d’Oro, una lunga e stretta viuzza con piccole e graziose casettine, che sembrano uscite da un libro delle favole. Immancabile sosta nei negozi per acquistare i preziosi cristalli di Boemia.
Al civico n. 22 di questo magico borgo abitò per svariati anni Franz Kafka, chissà cosa racconterebbe oggi, in un suo famoso libro, intitolato “La Metamorfosi”?

viaggio a Praga città dei BoemiConcludiamo la visita con il monumento più importante della città; la Cattedrale di San Vito, imponente e spettacolare: è considerata dagli esperti il trionfo dell’arte gotica. Guardandola, sia da vicino, sia da lontano, incute timore, perché essendo scure le pareti esterne dell’edificio, la rendono più austera.
La produzione principale di questo paese è la birra, che nella Repubblica Ceca è essenzialmente derivata dal sistema di Pilsner, dall’omonima località, che rende la bevanda una delle migliori al mondo. Impossibile rinunciare a una breve sosta in una tipica birreria per degustare questa loro specialità.

A Praga, non è necessario mangiare al ristorante, si mangia benissimo anche nei chioschetti che s’incontrano per strada, durante la visita di questa città d’oro, il tutto accompagnato da un sottofondo musicale, perché qui i violinisti boemi si possono incontrare in ogni angolo della strada e si può solo rimanere incantanti di fronte a questa sublime magia!

Di Jilian Cosci

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: