Trasferirsi a vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda

Link Sponsorizzati


TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE A WELLINGTON IN NUOVA ZELANDA

La testimonianza di Domenico sul come e sul perchè trasferirsi a vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda inizia con l’enigmatica frase di Lauris Edmond: “E’ vero che non si può vivere qui per caso, dovete fare ed essere, non semplicemente guardare o addirittura descrivere. Questa è la città dell’azione, la sede mondiale del verbo”.
Cosa volesse dire Lauris Edmond con quella sua frase, non mi è ancora del tutto chiaro e a dire il vero, mi lascia un pò perplesso. Personalmente, qui a Wellington, ci sono finito per caso, ma soprattutto, mi piace guardarla e descriverla…

Link Sponsorizzati


vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda OrnitorinkoWellington? Una città che ti mette alla prova!
Finalmente oggi c’è il sole. Esco di casa, infilo il casco e mi dirigo col mio scooter verso il Waterfront. Parcheggio negli spazi appositi. Mi lascio alle spalle la Library e mi incammino verso l’oceano. Sulla mia strada, una scritta in cemento, a metà tra arte moderna e una lapida da cimitero, colpisce la mia attenzione. Mi fermo. Leggo:
“E’ vero che non si può vivere qui per caso, dovete fare ed essere, non semplicemente guardare o addirittura descrivere. Questa è la città dell’azione, la sede mondiale del verbo”.
Cosa volesse dire Lauris Edmond con quella sua frase, non mi è ancora del tutto chiaro e a dire il vero, mi lascia un pò perplesso. Personalmente, qui a Wellington, ci sono finito per caso, ma soprattutto, mi piace guardarla e descriverla…



Come trovare lavoro in Nuova Zelanda dall’Italia
Come sono arrivato qui? E’ nato tutto per gioco, quando Antonella (la mia compagna), innamorata dello stile di vita in Oceania, ha iniziato a valutare la possibilità di trasferirsi agli antipodi. Grazie ai consigli di alcuni utenti sui gruppi facebook, Anto, ha avuto l’opportunità di entrare in contatto con il Manager di una delle piscine più grandi della Nuova Zelanda. Lei è istruttrice di nuoto, specializzata nell’insegnamento ai bambini, una figura richiestissima da queste parti! Dopo un paio di colloqui su Skype, è arrivato il contratto direttamente via email. E io? Beh, spostarmi per me è non è poi così difficile, in quanto appartengo alla categoria dei cosidetti “nomadi digitali”, e quindi ogni location è buona, purchè ci sia un wi-fi nelle vicinanze… e poi, ho un grande spirito d’adattemento…

vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda OrnitorinkoNoi Zelandiamo
Insomma, senza pensarci troppo, abbiamo deciso di “zelandare”. La mia passione per il web, ha dato vita a “Noi Zelandiamo”, una rubrica del mio blog, Ornitorinko. Oltre a raccogliere e pubblicare le storie degli “animali strani”, che raccontano le proprie esperienze in giro per il mondo, ho pensato che dare informazioni sotto forma di racconto, potesse essere utile a qualcuno… anche perchè in rete, più di un anno fa, si trovavano ben poche informazioni sulla Nuova Zelanda. Quello che ci capita qui, le curiosità e lo stile di vita che affrontiamo ogni giorno da queste parti, cerchiamo di raccontarlo anche sulla pagina Facebook di Noi Zelandiamo.

Cose da fare e da vedere a Wellington
Beh, se la chiamano “The coolest little capital in the world”, ci sarà di sicuro un motivo… Wellington è una città che sa ammaliare, con la sua natura che lascia a bocca aperta, i suoi angoli di paradiso a ridosso della città. E poi, è molto viva, lo conferma la nightlife in Courtenay Place, specie nei weekend… diversi sono gli artisti di strada si esibiscono in Cuba Street, una strada variopinta, coloratissima soprattutto dalle insegne dei ristoranti di ogni tipo! L’arte, è molto presente da queste parti e ogni angolo di strada è impreziosito da monumenti singolari che rendono ancora più magica l’atmosfera circostante. Se vi affascina la cultura Maori, una cosa da non perdere, è il Te Papa Mueseum!
Grande, interessantissimo, e… gratis!

vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda OrnitorinkoEspatriare e vivere a Wellington
Se vi piacciono i posti tranquilli, la rilassatezza di un posto che mette in pace con i sensi, allora, questo è il place to be. Vivere a Wellington vuol dire mettersi alla prova quotidianamente ed entrare a far parte di un meccanismo multiculturale e variegato. La cultura maori è molto presente sul territorio e mescolata benissimo con quella anglosassone, che non disdegna la presenza di altre etnie, come quella asiatica, sudamericana, africana (spesso rifugiati) ed europea. Se si espatria con l’intenzione di cambiare vita e dare una svolta economica alla propria sorte, forse, la Nuova Zelanda potrebbe deludervi un pochino. La vita costa parecchio! Gli affitti delle case, specie nelle città, sono abbastanza cari. I salari non sono altissimi, ma ovviamente, questo fattore, dipende dal tipo di mansione che si andrebbe a svolgere. Sta di fatto che ultimamente, l’emigrazione italiana verso la Nuova Zelanda, sta diventando sempre più frequente. Questo risultato ha reso persino possibile l’apertura (tramite concorso – vedi link) di una nuova figura lavorativa in ambasciata.

Burocrazia in Nuova Zelanda
A tratti macchinosa, non potrete scamparla nemmeno dall’altra parte del mondo! La burocrazia, anche se sostanzialmente più leggera di quella italiana, esiste anche qui. Ovviamente, se state seriamente pensando di espatriare, mettete in conto di essere extracomunitari e che quindi, di aver bisogno di un visto (che vi consenta di vivere sul suolo neozelandese). Averne uno, non è impossibile come in altri Paesi, ma ovviamente, dovrete dimostrare di avere le “skills necessarie” che il governo richiede (link). Io sono stato fortunato, a pensarci per me è stata Antonella, che grazie alle sue capacità da istruttrice di nuoto, ha ricevuto uno sponsor dal Wellington City Council (il Comune). Se avete meno di 31 anni, prendete anche in considerazione l’ipotesi di arrivare qui con un Working Holiday Visa, che può consentirvi di lavorare per lo stesso datore di lavoro per 3 mesi (secondo me, tempo necessario per capire quanto siete bravi e in caso, farvi sponsorizzare 😉 ). Se superate quella fascia di età… beh… il percorso si complica un pochino, ma non resta del tutto impossibile…

vivere e lavorare a Wellington in Nuova Zelanda OrnitorinkoSe siete metereopatici, no, non fatelo!
Dopo anni e anni di spostamenti, posso dirlo con certezza: il posto perfetto non esiste! Anche se ha molte qualità, un fattore negativo da non sottovalutare e che condiziona l’umore di molti wellingtoniani (e non), è il clima… se soffrite di metereopatia, nella “windy Welly” rischiereste di impazzire, sul serio. Raffiche di vento che a confronto, Trieste con la Bora, è una brezza leggera. E poi, la pioggia, tanta, specie d’inverno. Magari sprazzi di sole, e poi di nuovo vento, che se soffia dal Polo Sud, è meglio restare attaccati al termosifone. …ah dimenticavo! tutto ciò potrebbe capitare nello stesso giorno!

Che dire, mollare tutto per venire a vivere qui a Wellington (e in Nuova Zelanda in generale), non è certo uno scherzo. Bisogna essere informati, preparati e soprattutto determinati. I ripensamenti, potrebbero costarvi caro, e soprattutto, tantissime ore d’aereo…

Sito: Ornitorinko

Di Dome Aiello

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: