Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia: le difficoltà da affrontare

Link Sponsorizzati


Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia: le difficoltà da affrontare per rendere questo sogno realtà.

In molti sognano di trasferirsi a vivere in Costa Rica, fra sole, mare, natura, surf e feste in spiaggia.

Anche Alessandro lo desiderava, ed insieme alla sua famiglia ha trovato il coraggio di farlo, trasformando il sogno in realtà;

ed oggi ci racconta le difficoltà che bisogna affrontare nell’adempiere una simile scelta.

Link Sponsorizzati


Vado a vivere in Costa Rica

Ciao, io sono Alessandro e, insieme a mia moglie Marisa e le mie due figlie Giulia ed Elisa, ho mollato tutto per trasferirmi a vivere in Costa Rica.

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia

Cosa facevate in Italia prima di partire?

Avevamo uno studio di tatuaggi che abbiamo gestito dal 1996 fino a quando siamo partiti; lo studio ci dava un tenore di vita non disprezzabile, che però, come molte altre attività, ci lasciava ben poco a fine mese.

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famigliaAd un certo punto della vita avete deciso di lasciare l’Italia per trasferirvi a vivere in Costa Rica con tutta la tua famiglia; com’è nata questa scelta ?

Abbiamo sempre accarezzato il sogno di lasciare l’Italia, fin da quando ci siamo sposati ben 20 anni fa; ma per varie paure, limiti economici e logistici, la scarsa conoscenza della lingua inglese, poi la nascita della nostra primogenita Giulia, è sempre rimasto solo un sogno.

D’altra parte,  le nostre rispettive famiglie non facevano salti di gioia ogni volta che saltava fuori l’argomento 😉

Perché avete scelto il Costa Rica, e come avete trovato il coraggio di trasformare il sogno in realtà?

Come spesso succede, si fantastica, ci si informa, si guardano foto, video, e si leggono notizie sul paese che si sogna di far divenire la propria casa; all’inizio volevamo trasferirci nel sud della Spagna, verso Valencia o Alicante, ed abbiamo intrapreso più di un viaggio per capire se potesse essere la scelta giusta, ma per poi tornare in Italia più confusi di prima.

Poi un giorno una nostra amica/cliente si trasferì in Costa Rica, in Montezuma, dove gestiva un locale insieme al suo compagno di allora, e ci invitò per una vacanza;  fu il mese più bello che avessimo mai vissuto in una vacanza.

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia

Così, sapendo poco o nulla del Costa Rica, maturò la nostra scelta; e tornammo in italia con la promessa di ritornarci per vivere.

Con l’aiuto delle persone conosciute sul posto, scegliemmo di trasferirci nel piccolo villaggio di Uvita de Osa; in sei mesi vendemmo tutto, cedemmo l’attività di tatuaggi per poche migliaia di euro, preparammo i passaporti, e via.. con la consapevolezza di un viaggio di sola andata.

Quali sono le difficoltà che avete affrontato, e quelle che affrontate ancora quotidianamente vivendo in questa nuova terra?

La primissima difficoltà fu la lingua; non parlavamo spagnolo, né tanto meno inglese, per cui passammo i primi 5-6 mesi a cercare di capire e farci capire.

Non potendo godere di un contratto lavorativo ufficiale, i pochi soldi che guadagnavamo si consumavano troppo rapidamente; inoltre, essendo entrati in Costa Rica da turisti, dovevamo “uscire” dal paese ogni tre mesi.

Vivemmo un periodo di reale difficoltà, in cui una leggera ansia si impossessò di noi: molte persone ci hanno aiutato senza conoscerci, altri hanno provato a truffarci con false promesse di residenza; per fortuna, date le nostre scarse finanze, quando si sono resi conto che non eravamo un buon affare ci hanno lasciato in pace.

Abbiamo vissuto 5 anni felici e duri, e ancora non abbiamo risolto il problema della residenza; invece le nostre due figlie Giulia ed Elisa, sono state iscritte immediatamente a scuola con eccellenti risultati, e questo da loro un diritto su questo contiamo moltissimo.

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famigliaCosa significa vivere in Costa Rica?

Il Costa Rica è un posto fantastico per le vacanze: se amate la natura selvaggia, il caldo, il surf, le feste, è perfetto; ma doverci vivere con pochi soldi in tasca, è tutta un’altra cosa.

Ufficialmente, fino a quando non si ha una residenza non si può lavorare: si può investire, essere proprietari di una qualsiasi attività economica, ma non lavorarci; noi, ad oggi, non abbiamo la possibilità di investire somme di denaro in un’attività, per cui facciamo grandi sacrifici.

Da luogo paradisiaco può diventare un inferno se vi confrontate con un lavoro retribuito 2 dollari l’ora, quando dovete fare la spesa in un supermercato in cui la carne costa 10-12 $ al Kg, ed un pacco di spaghetti almeno 2 $.

Se non possedete una casetta vostra, con un piccolo pezzo di terra e qualche animale per carne uova, e se non siete disposti a mangiare solamente gallo pinto, ossia riso e fagioli, per tre volte al giorno… non riuscirete a viverci un mese intero!

Mentre con una rendita di circa 1.300 euro al mese potreste viverci felicemente, senza strafare.

Noi teniamo duro; tra un tatuaggio, una riparazione, e qualche vendita di pizze su commissione, riusciamo a resistere; a patto che il destino non ci riservi brutti scherzi: per noi anche un semplice mal di denti si può trasformare in una manovra economica non indifferente.

Il nostro obbiettivo primario è riuscire ad ottenere la residenza, in questo modo potremmo lavorare ed avere un minimo di assistenza sanitaria..

A distanza di 5 anni, siete felici della scelta fatta o, potendo tornare indietro, la cambiereste?

Non cambieremmo la scelta fatta per nulla al mondo; anche tornando indietro nel tempo, non avremmo avuto più soldi.

Siamo qui, in un luogo meraviglioso, nell’unico modo che avevamo; e quando avremo risolti i problemi della residenza saremo molto più felici.

Devo ammettere che perfino nella nostra situazione, con tutti i problemi di ordine pratico che abbiamo, siamo  veramente più rilassati e felici: esci di casa e facendo due passi ti imbatti in un colibrì, un tucan, una famiglia di scimmie urlatrici, farfalle grandi come una mano, ma soprattutto incontri persone felici e cordiali, che hanno sempre una parola di amicizia ed un minuto per te; se mi avessero detto una cosa del genere quando vivevo in italia, avrei pensato che il mio interlocutore fosse pazzo; oggi non la penso più cosi.Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famiglia

Tornerete mai in Italia?

Non per viverci, il sol pensiero mi rattrista.

Trasferirsi a vivere in Costa Rica con la famigliaIn base alla vostra esperienza, cosa consiglieresti a chi vorrebbe fare la vostra stessa scelta di vita?

Ognuno di noi ha sogni e timori differenti, dipende tutto da cosa sei disposti a fare per realizzarli, e da qual’è il punto di partenza.

Godere di una situazione economica consistente, prima di trasferirsi, ti permetterebbe di affrontare meno problemi; anche se noi abbiamo aspettato vent’anni in attesa di questa sicurezza, che comunque non è mai arrivata!

Inoltre bisogna valutare bene il luogo che si sceglie, magari visitandolo più volte prima di trasferirsi, per conoscerlo e farsi conoscere; cosa che noi non abbiamo potuto fare: avevamo un solo colpo e lo abbiamo “sparato” qui in Costa Rica.

Quali sono i vostri sogni nel cassetto?

Regolarizzare la nostra posizione, ma la dura realtà ci mette con le spalle al muro; abbiamo quindi iniziato una campagna di funding per raccogliere quanto ci serve per i documenti della domanda di residenza, in quanto da soli non ci riusciremo.

In cambio, possiamo offrire ospitalità e gratitudine a chi vorrà aiutarci, oltre che informazioni ed aiuti logistici in loco.

Potete leggere tutti i dettagli qui: GoFundme – Il Sogno

Inoltre, potete seguirci nella nostra avventura alla pagina Facebook Quattro in Costa Rica

Un sincero saluto da tutti noi, Alessandro, Marisa, Giulia ed Elisa.

Di Annalisa Galloni

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU:
INVESTI IN IMMOBILI ALL'ESTERO