Trasferirsi a vivere in Svizzera

Link Sponsorizzati


Trasferirsi a vivere Svizzera

Più di un quinto di tutte le persone che vivono in Svizzera non hanno un passaporto svizzero, nonostante le numerose norme introdotte per controllare il numero degli immigrati. Vivere in Svizzera è spesso considerato un lusso, sia in termini di qualità che di costo della vita. Mentre quest’ultimo è in qualche modo controbilanciato da alti stipendi e tasse basse, il primo è certamente vero, se misurato con gli standard medi di sanità, sicurezza, ricchezza e istruzione tra la maggior parte delle persone che vivono in Svizzera.

Link Sponsorizzati


Un’esperienza speciale

Ci sono diverse cose che rendono la Svizzera del tutto speciale tra i suoi vicini europei. Per iniziare, nonostante la sua posizione centrale nel cuore dell’Europa, non è né parte dell’UE né dello SEE.



Ciò è dovuto ad un secondo fatto singolare del Paese: i cittadini svizzeri sono gli unici in Europa che possono influenzare direttamente le decisioni del loro governo. Ogni nuova legge, soprattutto se essa riguarda la Costituzione, deve essere ratificata dalla maggioranza degli elettori. Così, quando la questione è stata messa nelle loro mani nel 1992, il 50,3% delle persone che hanno partecipato al referendum ha votato contro l’adesione al SEE.

Le Alpi svizzere, per salire su un altro aspetto tipico della vita in Svizzera, hanno anche, in parte, formato una cultura svizzera in molti modi diversa rispetto ai cugini europei. Infatti, la presunta “mentalità a riccio” di coloro che vivono in Svizzera è attribuita alle montagne alpine, e al loro ruolo storico sia come un ostacolo alla libera circolazione sia come un muro di protezione contro l’influenza straniera e l’invasione.

Trasporti ferroviari

Nonostante il territorio montuoso, gli espatriati che vivono in Svizzera potranno beneficiare di buoni collegamenti nazionali e internazionali di trasporto su strada e su ferrovia. La Svizzera è un paese altamente urbanizzato. Il 75% di tutte le persone residenti in Svizzera vivono nelle aree metropolitane del Paese.

La rete ferroviaria svizzera è stata portata sotto il controllo nazionale agli inizi del 20° secolo. Ogni anno, in Svizzera le Ferrovie Federali trasportano più di 350 milioni di passeggeri. Quasi tutti i capoluoghi cantonali sono serviti dalla rete delle Ferrovie Federali svizzere, e la maggior parte delle grandi città hanno anche collegamenti ferroviari diretti per i Paesi limitrofi.

I treni sono moderni, puliti e soprattutto in tempo, ma non a buon mercato. Tuttavia, le persone che amano viaggiare in treno dovrebbero trovare ampia ricompensa nei percorsi panoramici e nelle viste mozzafiato sulle montagne svizzere. Per ulteriori informazioni sulle infrastrutture, tariffe e degli orari in tedesco, francese, italiano e inglese, si prega di consultare il sito della SBB.

Sanità

Assicurazione sanitaria

Il sistema sanitario della Svizzera è leggermente diverso da quello degli altri Paesi europei. Ogni persona che viene a vivere in Svizzera è obbligata a contattare un fornitore di assicurazione sanitaria pubblica o privata entro tre mesi dalla data di arrivo.

Alcune eccezioni sono tuttavia concesse, in particolare per gli stranieri che soggiornano in Svizzera per meno di tre mesi, che siano comunque adeguatamente coperti, ad esempio attraverso assicurazioni private, assicurazioni di viaggio, o piani sanitari aziendali. Le persone il cui proprio Pese di residenza è uno Stato dell’UE o un altro Stato EFTA, possono ugualmente essere esenti da assicurazione sanitaria obbligatoria svizzera, in determinate circostanze.

Il potere di concedere l’esenzione spetta alle autorità cantonali competenti. Un elenco PDF con i dettagli di contatto di tutte le autorità cantonali di assicurazione sanitaria può essere trovato sul sito web dell’Ufficio federale della sanità pubblica.

Nessun fornitore di assicurazione sanitaria pubblica può rifiutare un candidato, indipendentemente da fattori quali le condizioni di salute preesistenti e le malattie croniche.

Ci sono varie tariffe per soddisfare le esigenze individuali, ma ogni fornitore di assicurazione sanitaria pubblica deve per lo meno offrire un pacchetto di base che è conforme agli standard nazionali.

vivere in Svizzera lavorare in Svizzera

Sistema Sanitario Svizzero

In Svizzera, i pazienti possono scegliere liberamente il loro medico. Essi hanno accesso diretto agli specialisti, senza la previa consultazione di un medico di famiglia o medico di medicina generale. Eventuali trattamenti che non sono coperti dal piano di assicurazione sanitaria del paziente devono essere chiaramente segnalati. In generale, i pazienti con copertura di una assicurazione sanitaria di base devono contribuire con SFR 20 al giorno per le spese di una degenza ospedaliera, e pagare il 10% del prezzo dei farmaci da prescrizione.

Gli standard sanitari generali in Svizzera sono molto alti. Questo si riflette in una speranza di vita superiore alla media. Sia ospedali pubblici e privati superano gli standard sanitari internazionali. Come nella maggior parte dei Paesi, gli ospedali privati tendono a specializzarsi in alcuni trattamenti.

Sistema Educativo Svizzero

Gli svizzeri sono molto orgogliosi del loro sistema scolastico. In un Paese senza risorse naturali, una forza lavoro istruita e qualificata è vista come un importante pilastro dell’economia. Tuttavia, la Svizzera non ha nessuna autorità educativa federale. Questo può rendere lo spostamento tra i diversi cantoni, per i ragazzi, un’esperienza frustrante, non solo per quanto riguarda la lingua di insegnamento.

A seconda del Cantone, la principale lingua parlata in classe è il tedesco (nelle sue varietà svizzere), francese o italiano. Tradizionalmente, la seconda lingua sarebbe una delle restanti due lingue ufficiali della Svizzera. Negli ultimi anni, tuttavia, vi è stata una tendenza verso l’insegnamento dell’inglese come prima lingua straniera a scuola, seguita da una seconda lingua nazionale.

Sistema scolastico Svizzero

Sebbene i diversi dipartimenti cantonali dell’educazione godano di completa autonomia quando si tratta di politiche e finanziamenti, il sistema scolastico di base e le diverse tipologie di scuole sono più o meno uguali in tutto il Paese. L’istruzione elementare inizia con la scuola materna per bambini di età compresa tra i tre e cinque anni. I bambini che hanno raggiunto l’età di sei anni, iniziano con l’istruzione primaria gratuita e obbligatoria.

Dopo circa sei anni di istruzione primaria, gli alunni proseguono alla prima fase di istruzione secondaria. Ci sono diversi tipi di scuole per la fase I. La fase II della scuola secondaria, ugualmente, offre scuole diverse per scopi diversi. Dura tre o quattro anni, e si conclude con una qualifica specifica del ragazzo per talune professioni, o al diploma. Quest’ultima dà diritto a frequentare l’università.

I genitori che desiderano iscrivere i loro figli in una scuola svizzera, dovrebbero contattare il dipartimento di educazione del Cantone in oggetto per ricevere dettagli più specifici.

Scuole internazionali

La maggioranza dei ragazzi svizzeri frequentano scuole statali (pubbliche). Tuttavia, in Svizzera ci sono oltre 20 scuole internazionali bilingue o multilingue, alcune delle quali private, alcuni sotto controllo federale. La maggior parte di queste offrono il baccalaureato internazionale, oltre a diversi altri programmi che portano a qualifiche universitarie specifiche per il Paese.

Le politiche di ammissione dipendono dalla singola scuola, ma i voti degli anni scolastici precedenti e controlli sanitari sono praticamente sempre richiesti. Le tasse di iscrizione possono raggiungere anche i 30.000 SFR all’anno, per gli studenti delle classi superiori.

Trasferirsi a vivere in Svizzera

Trasferirsi in Svizzera è diventata una scelta popolare tra gli emigrati. Dopo tutto, questo piccolo Paese offre molte opportunità e un tenore di vita elevato.

Informazioni generali

La maggior parte degli stranieri hanno un concetto molto chiaro di cosa aspettarsi quando si spostano in Svizzera. Tuttavia, nonostante la sua piccola area (41.285 km ²) e una popolazione non elevata (7.925.000), è un Paese vario, sia in termini di geografia che di persone. Così la vostra esperienza dipenderà molto da dove vi ritroverete.

Il Paese si trova proprio nel centro dell’Europa, confina con la Germania, la Francia, l’Italia, l’Austria e il Liechtenstein.

Gli stranieri che si spostano in Svizzera scoprono che tutti gli Stati limitrofi hanno avuto una grande influenza sulla cultura svizzera. Le tradizioni francesi, tedesche e italiane ancora vivono nelle rispettive parti del Paese. Questo pluralismo ha anche influenzato la politica e stile di governo della Svizzera. Molte persone che si trasferiscono in Svizzera da Stati con una gestione più centralizzata, sono sorpresi per l’alto grado di autonomia concesso a ciascuno dei 26 cantoni.

Geografia

La Svizzera può essere suddivisa in tre aree: le Alpi, l’altopiano centrale (la “terra di mezzo”), e la Giura. Ovviamente diverse regioni possono essere soggette a condizioni climatiche diverse.

Sebbene la Svizzera abbia un clima continentale moderato, coloro che si spostano nelle parti meridionali del Paese sentono l’influenza mediterranea, quando si tratta di temperature. Ma sperimenteranno anche più precipitazioni. Quest’ultime sono dovute alle montagne, che bloccano la via alle nuvole di pioggia che vengono dal nord della Svizzera.

Infine, sebbene neve e gelo sono comuni ovunque in inverno, gli espatriati in movimento verso le regioni alpine più alte della Svizzera, dovrebbero essere preparati per temperature molto più basse.

Città e Visti

Zurigo

Zurigo, la capitale del cantone di Zurigo in Svizzera centrale, dispone di una area metropolitana di circa due milioni di abitanti.

La maggior parte delle banche estere hanno istituito filiali a Zurigo, uno dei centri finanziari più importanti del mondo. Molti autorevoli centri di ricerca e di sviluppo del Paese si basano ugualmente a Zurigo, che la rende una delle mete preferite per gli scienziati e gli analisti. Come una delle città più ricche d’Europa, Zurigo offre una grande qualità di vita per gli espatriati.

Ginevra

Ginevra, la “Capitale della Pace”, ospita numerose organizzazioni intergovernative, attirando un gran numero di dipendenti internazionali. E’ la seconda più grande base delle Nazioni Unite nel mondo, ed è la sede della Croce Rossa Internazionale, l’OMC e l’Organizzazione internazionale del lavoro.

Ginevra è anche un importante centro finanziario e sede di molte società di gestione del risparmio. Nonostante il suo alto costo della vita, la sua ubicazione sulla punta sud-occidentale del Paese, tra le Alpi e la Giura, contribuisce a renderla una destinazione popolare

Basilea

Basilea si trova proprio sul confine tra Svizzera, Germania e Francia. La tri-nazionale area metropolitana con circa 830.000 abitanti crea una atmosfera internazionale in una città piuttosto piccola. Sul territorio svizzero, l’area metropolitana di Basilea si estende su diversi cantoni: Basilea Città, Basilea Campagna, Argovia, e un parte del canton Soletta

Basilea, non è solo un importante centro finanziario, ma anche sede di industrie chimiche e farmaceutiche. Con tre principali stazioni ferroviarie – una per ogni Paese – Basilea dispone di eccellenti collegamenti ad alta velocità verso il resto d’Europa. Grazie alla sua posizione sul Reno, vanta anche l’unico porto di carico della Svizzera.

Regole per il Visto

La Svizzera ha firmato il cosiddetto “Accordo sulla libera circolazione delle persone” all’interno di tutti gli stati membri della UE. Ciò significa che i cittadini dell’UE hanno il diritto di entrare, vivere e lavorare nella Nazione per lo più senza restrizioni formali.

La Svizzera ha inoltre firmato una serie di accordi di esenzione dal visto per soggiorni di breve durata (meno di tre mesi) con i Paesi al di fuori dell’UE.

Il Paese è diventato effettivamente un membro della comunità di Schengen nel 2008. Come risultato, i titolari di un visto Schengen hanno il diritto di entrare in Svizzera e rimanervi per tre mesi, entro un periodo massimo di sei mesi. L’area Schengen comprende quasi tutti gli Stati membri dell’UE, più la Norvegia e l’Islanda. (Le eccezioni tra gli Stati membri dell’Unione europea sono: Bulgaria, Irlanda, Romania e Regno Unito, che non appartengono alla zona Schengen.)

Un visto Schengen non concede automaticamente al titolare il diritto al lavoro. Quest’ultimo deve essere ottenuto separatamente. Tutti i cittadini di paesi terzi che desiderano soggiornare in Svizzera per più di tre mesi devono richiedere un visto nazionale (tipo D). Questi visti a lungo termine sono di solito solo concessi in combinazione con un permesso di lavoro.

Documenti richiesti a sostegno di tutte le domande di visto sono il passaporto del richiedente, che deve contenere una fotografia e almeno due pagine vuote, una assicurazione sanitaria per l’intero periodo di soggiorno, e la prova della sufficienza dei mezzi finanziari per mantenersi durante il tempo trascorso in Svizzera.

Tutte le domande di visto devono essere presentate alla più vicina ambasciata o consolato svizzero nel vostro Paese di residenza. L’Ufficio federale degli affari esteri fornisce una mappa interattiva con i collegamenti e le coordinate di tutte le autorità rappresentative svizzere all’estero.

Permessi di soggiorno

Tutti, compresi i cittadini dell’Unione europea, devono richiede un permesso di soggiorno se il loro soggiorno in Svizzera è superiore a tre mesi.

Vengono chiesti dal datore di lavoro piuttosto che dal potenziale dipendente.

Per incarichi di lavoro di tre mesi o meno, AELS e UE (ad eccezione temporanea di bulgari e rumeni) di solito non hanno bisogno di permesso ufficiale. Tuttavia, i datori di lavoro sono tenuti per legge a registrare i loro dipendenti a breve termine dell’UE che lavorano in Svizzera. Questo può essere fatto on-line tramite un modulo fornito dall’Ufficio federale della migrazione.

Nel tentativo di limitare l’immigrazione da paesi non-UE / AELS, le autorità svizzere impongono severe limitazioni annuali sul numero di permessi di soggiorno e di lavoro concessi agli stranieri. A partire da aprile 2012, una quota annuale per il lavoro e il soggiorno si applica anche ai dipendenti provenienti da parte dell’Europa orientale dell’UE. Nel giugno 2013, tale quota è stato estesa a candidati provenienti da tutti i paesi dell’UE. Non è ancora sicuro se questa misura si rinnoverà annualmente.

Il permesso di soggiorno può essere ottenuto dall’ufficio migrazione cantonale competente per il luogo di residenza in Svizzera. Un elenco di tutte le autorità di immigrazione e mercato del lavoro cantonali può essere trovato sul sito Internet dell’Ufficio federale della migrazione.

Tutti questi permessi sono emessi sotto forma di carte d’identità di cittadini dell’UE e di Schengen.

Tipi di permesso di soggiorno

Per gli espatriati esistono i seguenti tipi di permesso di soggiorno:

  • B: è rilasciato per un periodo iniziale di cinque anni, per i cittadini dell’UE / AELS. Un contratto di lavoro con una società in Svizzera (valido per almeno un anno) o la prova di indipendenza finanziaria sono necessari per ottenere tale titolo di soggiorno.
  • C: concede ai cittadini stranieri il diritto di insediamento. La maggior parte dei cittadini UE / AELS possono diventare residenti permanenti dopo un periodo ininterrotto di cinque anni trascorso in Svizzera. (Tuttavia, questo non si applica a persone provenienti da Cipro, Malta, e gli Stati orientali membri dell’UE.) I cittadini di tutti gli altri Paesi devono aver vissuto in Svizzera per dieci anni, al fine di beneficiare di un permesso C. Una volta che uno straniero ha acquisito il diritto di stabilirsi in Svizzera, non si è più legati alle condizioni imposte dal precendente permesso di lavoro per quanto riguarda la scelta del datore di lavoro.
  • Ci: si applica solo ai membri della famiglia, cioè al coniuge e ai figli fino all’età di 25 anni, dei dipendenti nelle organizzazioni intergovernative o rappresentanze estere. Una permesso Ci concede automaticamente al titolare il diritto di lavorare in Svizzera.
  • G: è necessario quando si vuole assumere un impiego in Svizzera, ma il principale luogo di residenza rimane al di fuori del paese. Molto spesso, questo tipo di permesso viene concesso ai cosiddetti Grenzgänger, i lavoratori transfrontalieri pendolari in Svizzera su base giornaliera o settimanale. Essi sono tenuti, per legge, a tornare nel loro Paese di residenza almeno una volta alla settimana. Il permesso G è valido per tutta la durata del contratto di lavoro, ma non può essere superiore a cinque anni.
  • L: è indicato per gli stranieri che intendono soggiornare in Svizzera per un periodo di più di tre mesi ma inferiore a un anno. Siccome un contratto di lavoro non è requisito di ammissibilità, questo permesso viene spesso utilizzato da coloro che vengono in Svizzera per cercare impiego. Tuttavia, i tappi di immigrazione valgono anche qui.

Lavorare in Svizzera

Se lavorare in un’economia stabile e ricca è il vostro obiettivo, la Svizzera fa a caso vostro, essendo un Paese con uno dei più alti PIL pro capite. Secondo l’Index of Economic Freedom, la Svizzera è uno dei maggior Stati con economia capitalista e competitivi del mondo. Tuttavia, la maggior parte dei dipendenti beneficiano di buone condizioni di lavoro e di un sistema di welfare solido.

In tutto il mondo, la Svizzera si qualifica come uno dei Paesi più ricchi, se misurata in base al reddito pro capite. Con una quota di disoccupazione di circa il 3% nel 2012, la Svizzera sta facendo bene in confronto ad altre economie dell’Europa occidentale. Tuttavia, essa persegue politiche piuttosto protezionistiche nei confronti dei cittadini svizzeri.

Permessi di lavoro in Svizzera per cittadini non-UE

Lavorare in Svizzera è molto più complicato per le persone provenienti dai Paesi al di fuori l’Unione Europea. In effetti, potrebbe anche sembrare quasi impossibile. Il processo di applicazione è veramente prolisso e complicato.

Al fine di ottenere un permesso di lavoro, l’azienda e il dipendente devono soddisfare una serie di condizioni. (Tuttavia, alcune eccezioni sono fatte per cittadini di Stati terzi in possesso di un diploma universitario svizzero o per coloro i quali si spostano in Svizzera con un trasferimento intra-company.)

Di seguito è riportato un elenco delle condizioni di base necessarie per chi ha intenzione di lavorare in Svizzera:

  • c’è un limite al numero di cittadini di Stati terzi che possono lavorare in Svizzera. I permessi di lavoro sono quindi soggetti alla quota annuale di permessi di soggiorno a disposizione.
  • Il potenziale datore di lavoro deve provare che il posto vacante è stato sufficientemente pubblicizzato e che nessun candidato dalla Svizzera o dall’UE era qualificato o disposto a fare il lavoro.
  • La retribuzione e le condizioni di lavoro del potenziale dipendente deve essere conforme alle norme locali e specifici del settore, al fine di proteggere i residenti di Svizzera dal dumping salariale.
  • Il candidato deve possedere le caratteristiche personali e professionali richieste per lavorare in Svizzera in generale, e per quel lavoro specifico in particolare.
  • Copie (e traduzioni) di tutti i diplomi e qualifiche pertinenti devono essere presentati unitamente alla domanda di permesso di lavoro.

Economia e tasse

Panoramica economica

La Svizzera ha prodotto diversi grandi aziende conosciute in tutto il mondo, per esempio Nestlé, Adecco, UBS, Zurich Financial Services, Credit Suisse, e Swatch. Tuttavia, anche le piccole e medie imprese (ad esempio i produttori tradizionali) svolgono un ruolo importante nel plasmare l’economia svizzera.

Ciò è sorprendente per un Paese con un’industria manifatturiera sofisticata ma con poche risorse naturali. Inoltre il commercio estero genera una quota importante del PIL. La maggior parte del commercio avviene con l’UE, ma anche Stati Uniti, Cina e Giappone sono tra i principali partner commerciali della Svizzera. I principali beni commerciali, sia per l’esportazione che per l’importazione sono prodotti chimici, macchinari, strumenti di precisione, orologi, gioielli, prodotti agricoli, veicoli, tessuti, cuoio, gomma, plastica, e energia.

Dei tre settori principali, il settore terziario è il più importante, comprendendo il ramo bancario, assicurativo e del turismo, che impiega oltre il 70% della forza lavoro della Svizzera. Circa un altro quarto della popolazione attiva è impiegata nel settore secondario, vale a dire l’industria, il commercio, e dell’artigianato. Le industrie della macchina, metallo, orologiario e tessile e svolgono un ruolo importante, così come l’industria chimica e farmaceutica.

Il settore primario occupa solo circa il 3% della forza lavoro. Anche se molti stranieri associano la Svizzera a pacifici pascoli alpini, mucche felici, e il formaggio fatto in casa, la vita dei contadini svizzeri non è poi così romantica. L’industria agricola svizzera dipende infatti in larga misura da sussidi governativi.

Tassazione degli stranieri

In Svizzera l’economia è bassamente tassata. Le tasse sono dovute su almeno due livelli: quelle pagate alla Federazione svizzera e quelle riscosse dal Cantone di residenza.

Il prelievo fiscale sul reddito individuale è basato su una dichiarazione annuale dei redditi e dei beni, ma gli stranieri privi di uno status di residente permanente sono tassati alla fonte. Tale ritenuta alla fonte viene detratta direttamente dal reddito del dipendente, che rappresenta l’imposta sul reddito a livello federale, cantonale e comunale.

Gli espatriati possono beneficiare di alcuni sgravi fiscali in forma di un importo forfettario mensile, per tenere conto del maggior costo del vivere associato ad uno stile di vita da straniero. Il calcolo è effettuato sulla base dei costi medi di trasferimento e di viaggio, il mantenimento di un secondo domicilio, e le eventuali tasse universitarie dei figli. Se si può dimostrare che i costi effettivi sono superiori, possono essere concesse quote aggiuntive. Naturalmente, solo espatriati il cui datore di lavoro non copre queste spese possono pretendere una riduzione d’imposta.

Accordi sulla doppia imposizione

Ci sono accordi di doppia imposizione tra la Svizzera e molti altri Paesi in tutto il mondo. Seguono le linee guida standard dell’OCSE e permettono in due modi fondamentali di evitare la doppia imposizione: l’esenzione fiscale e il credito d’imposta. Come regola generale, le persone che spendono almeno 183 giorni l’anno in Svizzera e ricevono il loro stipendio da un datore di lavoro svizzero non possono continuare a pagare le tasse nel loro Paese di residenza.

In altri casi, le imposte pagate in un Paese possono essere accreditate contro eventuali imposte dovute in altro Paese. Il modo più semplice per scoprire se esiste un accordo di doppia imposizione tra il vostro Paese e la Svizzera è quello di consultare le autorità fiscali del proprio Paese di residenza. Anche le autorità federali dell’Amministrazione svizzera hanno alcune informazioni sugli accordi di doppia imposizione in tedesco, francese e italiano.

Sicurezza sociale

Il sistema svizzero di sicurezza sociale si basa sulle pensioni di Stato. Alcune persone considerano eventuali piani complementari di risparmio privato. Le pensioni di vecchiaia, per esempio, sono previste attraverso contributi a livello federale da un lato, e attraverso contributi provenienti da un piano pensionistico aziendale dall’altro.

Contributi a entrambi gli schemi sono versati sia dal datore di lavoro che dal dipendente. Entrambi sono obbligatori, ma i contributi al fondo pensionistico di categoria iniziano solo quando il lavoratore compie 25 anni e guadagna più di 21.060 SFR all’anno. Quando si cambiano i datori di lavoro, i dipendenti devono provvedere a trasferire il loro capitale accumulato nel fondo pensione del nuovo datore di lavoro.

Sicurezza sociale degli espatriati

La sicurezza sociale dei cittadini dell’UE che lavorano in Svizzera è regolata dall ‘”Accordo sulla libera circolazione delle persone”. Questo assicura una cooperazione tra gli Stati membri. Gli oneri sociali versati in un Paese estero vengono automaticamente aggiunti quando si calcolano i benefici pensionistici.

Inoltre, i residenti dei seguenti paesi non UE beneficiano di accordi di sicurezza sociale con la Svizzera: Australia, Bosnia-Erzegovina, Canada, Cile, Croazia, Israele, Giappone, Macedonia, Montenegro, Filippine, San Marino, Serbia, Turchia e Stati Uniti. Essi hanno diritto ad una pensione svizzera sulla base dei contributi che hanno versato quando hanno lavorato in Svizzera, anche se non sono più in Svizzera al momento del pensionamento.

È infine possibile solo un rimborso dei contributi versati al sistema di sicurezza sociale per le persone provenienti da Paesi privi di accordi bilaterali. Le domande possono essere fatte alla competente cassa di compensazione cantonale, o alla cassa di compensazione svizzera, prima o dopo aver lasciato la Svizzera.

Trovare lavoro in Svizzera

Trovare lavoro in Svizzera non è facile dall’estero, in particolare per i cittadini non comunitari, a causa dei tappi posti all’immigrazione, di cui sopra. Tuttavia, se siete alla ricerca di un lavoro a prescindere, consultate le sezioni di occupazione dei principali quotidiani svizzeri, ad esempio Basler Zeitung, Berner Zeitung, 24 Heures (Losanna), Le Temps (Ginevra), e Neue Züricher Zeitung (Zurigo).

Una buona fonte è il sito dei Centri regionali per l’occupazione. Questo sito consente di cercare posti di lavoro e caricare il proprio profilo personale, in modo da poter essere trovato dai datori di lavoro che cercano di coprire un posto vacante.

Gli stranieri che lavorano in professioni regolamentate potrebbero avere bisogno di avere i loro diplomi e qualifiche riconosciute prima di cercare lavoro in Svizzera. Si prega di consultare il sito della Segreteria di Stato per l’educazione, la ricerca e l’innovazione per informazioni dettagliate.

Infine, i professionisti medici che desiderano lavorare in Svizzera devono chiedere consiglio presso l’ufficio federale della sanità.

Guidare in Svizzera

Guidare in Svizzera è un sogno che si avvera per chi ama percorsi di montagna con splendidi panorami e strade ben tenute.

Tuttavia, la Svizzera è un Paese in cui non sarete obbligati a possedere una macchina per andare in giro, come, per esempio, negli Stati Uniti. Grazie alla vasta ed efficiente rete di trasporti pubblici di treni, autobus e traghetti, la guida è spesso un mero lusso.

Ma le strade sono molto ben tenute, e la guida nel Paese, sia su autostrade o strade di montagna tortuose, è per lo più piacevole e non eccessivamente stressante. Di conseguenza sta semplicemente a voi la decisione se scegliere la propria auto o il trasporto pubblico.

Infrastrutture stradali

La Svizzera si distingue per le sue strade e autostrade consolidate. Con i suoi quasi 72 mila chilometri di strade asfaltate, il mantenimento di questa infrastruttura non è indifferente. Pertanto, il governo ha introdotto il famoso bollo autostradale.

Il bollo è un piccolo adesivo che è necessario acquistare prima di guidare in autostrada. Incollatelo al vostro parabrezza in modo che sia visibile alla polizia. È possibile acquistarlo nella maggior parte delle stazioni di benzina, uffici doganali, o degli uffici postali, cosi’ come on-line.

Il prezzo del bollo è di CHF 40, ed è valido per 14 mesi.

A causa della natura montagnosa del Paese, la guida in inverno può essere piuttosto pericolosa. Vi consigliamo quindi di contattare una delle associazioni automobilistiche al fine di verificare quali passi di montagna siano chiusi durante i mesi invernali.

Assicuratevi comunque di disporre di attrezzature adeguate per la guida in condizioni estreme: gomme da neve, catene da neve, coperte, GPS, ecc.

Importare ed immatricolare un veicolo

Se la vostra auto è più vecchia di sei mesi, e se la si importa esclusivamente per uso personale, non è necessario pagare alcuna tassa di importazione.

Entro un periodo massimo di un anno, è necessario quindi registrare la vostra auto per la guida.

Per registrare la vostra auto, andate all’ufficio locale dei veicoli a motore e portate con voi i documenti seguenti:

  • Originali dei documenti di immatricolazione dall’estero
  • Certificato di conformità UE (chiedere al produttore di inviartene una copia)
  • prova di assicurazione
  • relazione di controllo tecnico da parte dell’ufficio doganale (con timbro ufficiale)
  • permesso di soggiorno / prova di residenza

Se vuoi importare una nuova auto, si devono invece pagare i dazi doganali, tassa di circolazione e l’IVA, prima di attraversare la frontiera.

Assicurazione auto

L’assicurazione responsabilità civile auto è obbligatoria. Non è possibile registrare la vostra auto senza di essa. La legge richiede solo una polizza assicurativa che copre danni causati ad altre auto o persone per il vostro veicolo.

Il Codice della Strada

Di seguito alcune regole principali:

  • Devi avere almeno 18 anni per guidare una macchina in Svizzera.
  • L’eccesso di velocità in Svizzera non è tollerato, e andare anche 10 chilometri all’ora oltre il limite può tradursi in una multa salata. È quindi nel vostro interesse rispettare i seguenti limiti di velocità: 50 chilometri all’ora in città e paesi, 80 chilometri all’ora al di fuori della città/paese, 100 km/h su Autostrassen, e 120 km/h sulle autostrade
  • Tutti passeggeri dell’abitacolo devono indossare la cintura di sicurezza in ogni momento, e i bambini fino a 12 anni (o più piccoli di 1,5 m) devono indossare idonei sistemi di ritenuta. I neonati e i bambini piccoli non devono essere fatti sistemare sul sedile anteriore, a causa dei pericoli di airbag.
  • In Svizzera il limite legale di alcolemia è di 0,5 ‰. Oltre lo 0,8 ‰ si ha confisca immediata della patente e una multa salata, in casi estremi anche il carcere.
  • Tutti gli autisti devono avere un triangolo di pericolo a bordo della loro auto, e si consiglia vivamente di avere anche un kit di pronto soccorso e un giubbotto di visibilità.
  • In inverno, a causa delle condizioni di guida su alcune strade di alta quota, le catene da neve sono obbligatorie. Gli pneumatici da neve sono raccomandati per tutti i veicoli a non 4 ruote motrici. Se la polizia ritiene la vostra auto non idona per la guida sulla neve, ha il diritto di impedirvi di guidare fino a quando la situazione non sia risolta.

Come convertire la propria patente di guida

Come residente straniero, si può utilizzare una patente estera per un massimo di un anno. Entro i dodici mesi, la si deve cambiare con una patente svizzera. A questo scopo, si prega di portare i seguenti documenti:

  • modulo di domanda compilato
  • patente di guida estera (originale)
  • carta d’identità
  • due fotografie formato tessera
  • certificato oculistico

In aggiunta a questo, potrebbe essere necessario fare un esame di guida scritta e/o pratico.

I cittadini UE e SEE, così come gli espatriati con patente di guida proveniente dall’Andorra, l’Australia, il Canada, la Croazia, Israele, Giappone, Monaco, Marocco, Nuova Zelanda, San Marino, Singapore, Corea del Sud, Tunisia, e gli Stati Uniti sono esenti dalla prova pratica.

Come ottenere una patente svizzera

Tenete presente che i requisiti esatti e le procedure per l’acquisizione di una nuova patente svizzera possono variare a seconda del Cantone in cui si vive . Si consiglia di contattare il servizio locale di veicoli a motore o il club automobilistico svizzero per scoprire esattamente quali sono le regole e le tariffe per il proprio cantone di interesse.

In generale, il processo assomiglia a quello della maggior parte degli altri Paesi europei: se non hai già una patente di guida valida, è necessario ottenere un permesso come studente. Quindi è necessario superare una prova teorica e una prova pratica, al fine di ottenere una regolare licenza. Oltre alle prove pratiche e scritte, è necessaria una visita oculistica: è possibile farla in qualsiasi negozio di optometri, e chiedere un certificato del risultato.

➡︎  LEGGI LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO IN SVIZZERA  ⬅︎

Di Rocco Mela Riproduzione Riservata © Copyright MOLLOTUTTO

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU: