Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all’estero! Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Link Sponsorizzati


Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all’estero! Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Grecia, Croazia, Fiordi, Spagna, Brasile, Argentina, Chile, Marocco, Portogallo, Russia, Francia, India, Inghilterra… Questi sono soltanto alcuni dei posti visitati da Sara dopo aver deciso di mollare tutto e cambiare vita.

“La vita non é una questione di culo, ma di scelte” diceva un saggio! E le scelte sono condizionate dagli esempi che seguiamo! Spero questa intervista possa essere un buon esempio 🚀 

Vi auguro una buona lettura 👇

Link Sponsorizzati


Ciao Sara, puoi dirci dove vivevi e cosa facevi quando eri in Italia?

Ho vissuto a Casine, un piccolo paesino nel Comune di Sestola (2.500 abitanti) provincia di Modena, con la mia famiglia fino ai 17 anni, età in cui sono partita con un progetto di intercambio culturale proposto dall’istituto “Economia e Turismo” che stavo frequentando.

Sono stati proprio questi 6 mesi in una famiglia della Patagonia (Argentina) a risvegliare la mia voglia di viaggiare.

L’anno dopo, sempre grazie alla mia scuola sono partita per la Francia ed ho lavorato in un museo a Cannes.

Qual’é il motivo principale che ti ha spinto a lasciare tutto per andare a vivere e lavorare su una nave da crociera in giro per il mondo?

Finita la scuola, mi sono trasferita a Guildford (UK) pensando di colmare cosi la mia sete di esperienze all’estero. Sfortunatamente non era abbastanza; dopo poco tempo anche quella realtà divenne stretta.

Un giorno, per caso, un batterista della scuola di musica che frequentavo con un corso di canto mi mostrò foto di viaggi ed avventure e chiedendo scoprire che le aveva vissute lavorando sulle navi come musicista.

Qualche ora dopo stavo compilando la richiesta per partecipare alle selezioni di Costa Crociere. Avevo trovato la mia strada….un lavoro itinerante, senza mai fermarsi in un posto solo!

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Come hai fatto a farti assumere?

Ho partecipato a selezioni con test scritti ed orali, attitudinali. Quell’anno la regione Liguria avrebbe poi finanziato qualche settimana di corsi, soprattutto di primo soccorso e anti incendio per poter poi lavorare a bordo.

Quale lingua ti hanno richiesto e che livello eri?

Il livello e quantità di lingue straniere richieste dipende sempre dal ruolo che la persona svolge a bordo. Nel mio caso parlavo già bene Inglese e Francese e mi é stata offerta l’opportunità di scegliere tra Reception e Animazione.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vitaIn quali posti hai lavorato?

In Italia ho solamente svolto qualche stage con la scuola e lavoretti da cameriera o barista durante l’estate durante gli anni di scuola.

Ho lavorato come guida in un museo a Cannes (Francia) grazie ad un progetto scolastico.

In Inghilterra ho iniziato come ragazza alla pari prendendomi cura di una bambina; ho continuato come barista e cameriera part-time mentre frequentavo un corso di Canto e insegnavo Italiano.

Sulle navi da crociera ho lavorato come Cruise Staff/Animazione. Ho fatto il giro della Grecia e Croazia. Fiordi. Spagna e Italia. Brasile Argentina e Chile. Marocco, madera e Portogallo. Russia. Francia.  Inghilterra e Chi più ne ha più ne metta!

A fuerteventura ho lavorato come animazione bambini per poi continuare come receptionist. 

Che lavori hai fatto?

Barista e cameriera.

Animatrice.

Receptionist negli hotel.

In fine, tutt’ora e d’ora in poi (si spera) insegnante di Yoga e massaggiatrice certificata.

Sei partita da sola o in compagnia la prima volta che ti sei trasferita per un lungo periodo all’estero?

In Inghilterra mi sono trasferita con il mio ex-ragazzo. Qui a fuerte sola pero avevo una amica già qui.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Quanti soldi ti sono serviti per trasferirti a Fuerteventura e cominciare una nuova esperienza lavorativa?

Fortunatamente il periodo necessario per fare i documenti e trovare lavoro e casa sono stata ospite di un’amica, il ché ha aiutato molto. Nonostante questo, io credo che con l’equivalente di un mese di affitto e spese varie sia una cosa fattibile. (2.000€?)

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vitaQuanto si guadagna lavorando su di una nave da crociera?

Dipende dal ruolo svolto. Sicuramente un ufficiale o un capo barista prende più di un animatore. Per quanto riguarda un animatore quando ho iniziato prendevo poco meno di mille euro per poi arrivare anche a 1200 dopo qualche contratto.

Considerando che sono tutti soldi “risparmiati” perché sulla nave non devi pagare affitto, macchina, spesa e bollette é abbastanza buono.

Quante valigie ti sei portata a Fuerteventura? Il peso?

Sono arrivata per fare una settimana di vacanza da una amica però con solo il biglietto di andata, diciamo che non era sicuro però già in testa avevo l’idea di poter rimanere. Avevo quindi una valigia da stiva da una ventina di chili e il bagaglio a mano.

Più tardi, e tutt’ora durante le mie visite alla famiglia in Italia, mi porto il necessario piano piano.

Qual’é la differenza principale tra lavorare all’estero e lavorare in Italia?

Ogni paese ha i suoi pro e i suoi contro ovviamente. In Italia hai normalmente il vantaggio della lingua e della cultura materna; inoltre hai l’appoggio di amici e famiglia in casa di un ipotetico fallimento.

All’estero é sempre un rischio, un avventura; devi essere pronto a cadere mille volte e rialzarti e spesso solo.

Devi anche adattarti a possibili situazioni di “razzismo” nei tuoi confronti e a possibili incomprensioni.

Com’é stato trovare nuovi amici in posti per te nuovi?

Essendo una persona abbastanza particolare e introversa non facile devo dire…pero alla fine é inevitabile…quando finalmente ci sei riuscito, lo scambio di idee, esperienze e sogni é molto più profondo e speciale.

Domanda strana: Ti senti più in forma quando sei all’estero o quando sei in Italia?

Ora la mia casa é Fuerteventura. Quando sono in Italia mi sento un’intrusa e mi ci vuole qualche giorno per riabituarmi. Ovviamente per le persone a casa sei super in forma e bellissima e visibilmente felice perché sei la novità del momento; soprattutto in paesino piccolo come il mio.

Io, personalmente, quando vado in Italia é perché sono in vacanza quindi mangio e dormo tutto il giorno ahahahah.

Mi sento quindi più in forma a Fuerteventura, con i miei ritmi e il mio lavoro.

Cos’é cambiato da quando sei partita la prima volta?

Ho meno paura. So già più o meno cosa aspettarmi e cosa fare e non fare. Pero ogni volta che cambio paese, anche se fosse la millesima volta, imparo comunque qualcosa di nuovo.

Da 1 a 10 come valuti vivere e lavorare in Italia?

Vivere non saprei, con il sostegno di una famiglia é molto facile. Lavorare: come molti sanno, non é facile trovare la cosa adatta a te. Devi adattarti a tutto. Direi 6.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Da 1a 10 come valuti vivere e lavorare sulle navi da crociera?

A vent’anni 10+, viaggi gratis e zero responsabilità. 

Dopo i 30 anni 0! Inizi ad avere bisogno dei tuoi spazi e della tua privacy.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vitaDa 1 a 10 come valuti vivere e lavorare a Fuerteventura?

Vivere 9, é tutto fantastico: sole, mare, tranquillità e rapporto stipendio-costo della vita molto buono. L’unica cosa é che essendo un’isola a volte manca la connessione con l’esterno per quanto riguarda comprare oggetti o fare corsi o stare più al passo con i tempi.

Lavorare 10! Per quanto mi riguarda, tutto ciò che ho voluto fare l’ho sempre fatto.

Di cosa ti occupi in questo momento?

Insegno Yoga al centro anziani della capitale e nella SPA più grande dell’isola. Offro massaggi e trattamenti in casa e a domicilio. 

www.pranayogaymasajes.com

Qual’é la tua paura più grande?

Avere poco tempo per provare tutto! Stupidamente, alla stesso tempo, ho paura di perdere qualche opportunità per la strada perché troppo proiettata verso il futuro.

Dove ti vedi tra 5 anni?

Qui, a Fuerte, magari con una casa mia in un posticino tranquillo ed isolato, facendo ciò che amo.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Torneresti indietro lo rifaresti?

Rifarei tutto! Anche ciò che mi ha fatto soffrire. Ogni piccola cosa ha contribuito a farmi arrivare fino a qui.

Se tu fossi un supereroe quale saresti?

Mi piacerebbe essere Wonder Woman (ovviamente) per quando riguarda la ricerca della giustizia e il coraggio assoluto.

Aspiro a diventare saggia e magica come Doctor Strange.

Al momento sono a livello Donna Invisibile: quando c’é bisogno sparisco ma creo intorno a me un campo energetico non indifferente!

Un piatto Italiano che ti manca?

A Fuerte si mangia Italiano praticamente come in Italia, grazie a tutti gli Italiani che ci sono ormai! L’unica cosa che non ho trovato sono le crescentine e i borlenghi (tipici piatti della montagna).

Il piatto più buono che hai trovato in giro per il Mondo?

Durante un mese di corso intensivo di Yoga in un Ashram a Madurai (India) ho scoperto sapori INCREDIBILI però non so cosa fossero, in “cucina” non parlavano inglese ed io non ho mai più provato niente del genere da nessuna parte.

Forse é proprio questo che li ha resi cosi speciali.

Come trovare lavoro sulle navi da crociera e poi trasferirsi a vivere all'estero Sara ci racconta come ha fatto a mollare tutto e cambiare vita

Un amico che ti manca? Perché ti manca?

Sono partita talmente giovane che non ho avito tempo di crearmi amicizie importanti, vere e durature. Ovviamente ho alcune amiche dai tempi della scuola che vedo ogni volta che torno perché sono tra le poche che non si sono mai scordate di me.

Un consiglio per chi vuole diventare un viaggio lavoratore in massimo 5 parole.

Rischia, cadi, rialzati, chiedi e sorridi!!!

Con la speranza che possa essere di esempio per chi vuole mollare tutto e cambiare vita.

Vuoi viaggiare e lavorare in giro per il Mondo anche tu, ma non sai come fare?

Entra oggi nel programma gratuito Viaggio Lavoro che ha già aiutato migliaia di persone a trovare lavoro all’estero.

Intervista by Miky Rubini

Mollotutto Ambassador

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU:
INVESTI IN IMMOBILI ALL'ESTERO