La storia di Mario Castiglioni Bar Manager in Inghilterra

Link Sponsorizzati


Mario Castiglioni ci racconta la sua storia di Bar Manager in Inghilterra

Finiti gli studi di ragioneria, Mario ha iniziato a lavorare come semplice barista e – dopo avere frequentato i corsi della Mixology Academy  –  è passato a lavorare come bartender nei cocktails bar. Da li è iniziata la strada che lo ha portato a diventare Bar Manager in Inghilterra…

Link Sponsorizzati


Ciao Mario, vuoi presentati ai nostri lettori?

Ciao, mi chiamo Mario Castiglioni e sono di Roma.

Di dove sei e cosa facevi quando eri in Italia?

Ho vissuto sin dall’infanzia a Nettuno, una Cittadina a piu o meno a 60km dalla Capitale. Appena finito gli studi come ragioniere mi sono buttato nel mondo del lavoro prima in caffetteria e dopo avere frequentato i corsi della Mixology Academy sono passato ai cocktails bar…

Fare il Bar Manager in Inghilterra
Quando e perché è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia?

A fine 2014 dopo aver lasciato il mio posto in caffetteria ho deciso che volevo dare una svolta alla mia cariera e diventare un Bartender con i fiocchi, ma dopo qualche sfortunato colloquio e piu di qualche prova andata non a buon fine (un po’ per inesperienza se vogliamo dire), ho deciso che era arrivato il momento di lasciare l’Italia per piu rosee prospettive all’estero, anche invitato da amici gia residenti a Londra da tempo.

Avevi già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?

No, avevo provato Londra nel 2011 ma sono resistito 3 settimana, a volte la vita fuori casa spaventa se non si e’ abbastanza maturi.

Sei partito da solo o in coppia?

Ho, raggiunto il mio migliore amico he pero’ dopo 10 giorni ha avuto una buona offerta di lavoro in Italia ed e’ tornato (dopo 4 anni di gavetta all’estero).

Perché hai scelto di trasferirti proprio in Inghilterra?

Sono stato attratto dalle luci della grande citta’ e dalla possibilita di espandere la mia cultura, non c’e’ posto migliore per iniziare a mio avviso.

In che cosa consiste la tua attività?

Al momento sono impiegato come Bar Manager a Birmingham in un ristorante/cocktails Bar chiamato The Jailbird che riapre questa settimana dopo un cospiquo ringiovanimento, e’ uno dei locali piu’ attrattivi della citta al momento e puntiamo alto.

Oltre a questo per cosa altro si distingue la tua attività di Bar Manager in Inghilterra?

Siamo uno dei pochi posti in UK dove abbiamo aragoste da piu di un kilo e una selezione di vini e cocktails davvero interessante, in oltre la nostra compagnia e’ l’unica al di fuori di Londra ad aver vinto la “Golden F” di Gordon Ramsey.

Fare il Bar Manager in Inghilterra

Quali differenze sostanziali riscontri a livello lavorativo rispetto all’Italia?

La meritocrazia e il rispetto per il lavoro la fanno da padrone, se si trova il posto giusto non si ha bisogno di “conoscenze” per salire in alto.

Com’è avvenuta la tua integrazione in una realtà locale sostanzialmente differente da quella italiana?

Non e’ stato facile, sopratutto col mio grado di inglese iniziale, ma devo essere onesto, fare sport e attivita’ fuori dalla routine anche quando si e’ stanchi dopo lunghe giornate aiuta a integrarsi e rende la vita più facile.

Fare il Bar Manager in InghilterraL’Italia oramai è per te un ricordo, hai nostalgia, cosa ti manca?

Spero sempre di ricevere una buona offerta e poter tornare, ma non rimpiango la mia vita in Italia, la Gran Bretagna mi sta offrendo tanto.

Vivere a Birmingham sotto quali aspetti è meglio che in Italia? E sotto quali aspetti è peggio?

Il cibo e’ sicuramente una cosa che fuori non ci eguaglieranno mai, ma sinceramente a parte qualche piccola innovazione non cambia molto, tutto il mondo e’ paese.

Consiglieresti ad altri italiani che desiderassero seguire le tue orme di trasferirsi a lavorare a Birmingham?

Se hanno la voglia di farlo, si. Per me con questo mestiere non c’e’ nulla di meglio per poter girare il mondo.

Che attività potrebbe essere indicata per coloro che volessero trasferirsi a Birmingham?

Qualsiasi sia la vostra competenza avrete le porte aperte, non esistono solo lavapiatti o camerieri.

Conosci molti italiani che vivono a Birmingham, li frequenti?

Ne conosco qualcuno, quando ho tempo e’ sempre un piacere avere attorno connazionali, ma la nazionalita non mi limita a fare nuove amicizie.

Contatti: http://bit.ly/Corsi-BarManager

Di Massimo Dallaglio

Link Sponsorizzati


CONDIVIDI SU:
INVESTI IN IMMOBILI ALL'ESTERO