vivere a Istanbul
Foto di Alexandru Manole da Pixabay


“Venire a vivere a Istanbul é stata una scelta di cui non mi sono mai pentita, anzi, lo rifarei ad occhi chiusi.
Amo molto l’Italia e la mia Bari ma qui ho una dimensione molto particolare che si adatta maggiormente al mio modo di essere.”



Denise si definisce una donna mezzosangue: nata e cresciuta in Italia, figlia di padre turco. È sempre stata legata alla Turchia da un filo sottile, nonostante la sua lingua, cultura e modi di fare siano sempre stati piuttosto italiani…

Com'è vivere a Istanbul? Denise ci racconta la sua esperienza
Foto di Кирилл Соболев da Pixabay

Ciao Denise, da quanto tempo sei andata a vivere a Istanbul?

Perché la decisione di trasferirti?

Sono a Istanbul da ormai 27 anni.

Durante gli studi di veterinaria, in Italia, feci un concorso in polizia. Fu quasi per gioco ma mi ritrovai a fare la poliziotta.
Fui agente scelto della Criminalpol di Ancona (oggi DIA) per 7 anni. Nel 1990 mi mandarono in missione in Turchia, ad aprire l’ufficio visti del Consolato d’Italia, a Istanbul… Fu proprio in quel periodo che ripresi i contatti con una mia “vecchia fiamma”.
Cinque anni dopo diventerà mio marito, inchiodandomi definitivamente a questa meravigliosa città!

Di cosa ti occupi a Istanbul?

Avevo abbandonato da tempo gli studi in veterinaria, lasciai la Polizia di Stato ma mi resi conto che fare la casalinga non era proprio la mia aspirazione… Così mi misi a studiare per fare la cosa che meglio avrei potuto fare in assoluto: insegnare la mia lingua, l’italiano!
Mi laureai in Lingua e cultura italiana per stranieri, facendomi nel contempo una bella gavetta con lezioni e corsi privati.

Oggi sono esattamente 23 anni che sono insegnante.

Ho una mia società, la Kedil. La parola è formata da due parole turche, kedi (gatto) e dil (lingua): le mie lezioni sono homestay in un ambiente piuttosto “felino”! Infatti ho dieci gatti (e anche due cani).

Com’è vivere a Istanbul?

vivere a Istanbul
Foto di Serkan Turk da Pixabay

La vita della megalopoli si pensa potrebbe essere stressante con l’andare del tempo ma non é il mio caso. Per quanto sia una città enorme che conta quasi 20 milioni di abitanti, la mia vita di tutti i giorni si riduce al mio quartiere sulla sponda asiatica (Kadıköy). Non risento della vita frenetica o caotica della grande città.
Kadıköy è un paesone nella metropoli; lì gira il mio mondo: i miei studenti, le amicizie, i luoghi a me cari… tutto nel giro di qualche kilometro.
Prendere il battello per andare dal lato europeo per qualche commissione diventa qualcosa di piacevole. Ovviamente chi non ha la mia fortuna e deve spostarsi nel traffico o vive in un centro caotico (Istanbul ne ha diversi) avrà una visione meno romantica della mia relativamente al vivere a Istanbul.

A giudicare dai commenti e dagli interventi nel gruppo Facebook che ho fondato qualche anno fa (Italiani felici a Istanbul e dintorni) direi che, in generale, questa città la si ama. A tal proposito c’é un detto turco: “Ya sev ya terket”, “O ami o abbandoni”.

Pregi e difetti della Turchia?

vivere a istanbul
Foto di Alexandru Manole da Pixabay

 

Ho fondato il gruppo per aiutare i nuovi arrivati a comprendere le tradizioni, la lingua e la mentalità del popolo turco. Non esagero se dico che ogni giorno leggo post di persone che desiderano trasferirsi qui e fanno mille domande. Ultimamente le serie TV girate in Turchia stanno avendo un enorme successo in Italia, tanti si avvicinano proprio per questo… senza considerare che, per quanto i luoghi e le persone di quei film esistano davvero, la realtà della massa é un’altra.
Il popolo é molto più genuino ed il livello culturale, aimè, è decisamente più modesto!

Ciò non toglie il fatto che i turchi siano estremamente “caldi”: si fanno amare. Il fatto che ancora molti valori siano forti (quelli della famiglia, dell’amicizia, del vicinato…) rende la permanenza in questo paese a tempo indeterminato e chi viene ci vuole tornare.

Per non parlare delle meraviglie da visitare! La Turchia, come nessun altro paese al mondo, vanta un’incredibile varietà di civiltà antiche: ittiti, fenici, lici, frigi, assiri, sumeri, persiani, urartu, greci, romani… ed ottomani! Istanbul conserva le spoglie bizantine e romane. Immaginate la ricchezza storica… Come diceva mio marito ai suoi turisti italiani (parlo al passato poichè l’ho perso due anni fa; era una guida per italiani del Ministero del turismo): “I turchi sono i custodi della vostra storia”.

Ovviamente non é tutto rose e fiori, le difficoltà per chi fa questo passo ci sono…

Io ho avuto il vantaggio di avere avuto sempre un piede qua, quindi tante cose le ho prese con più elasticità.

Inoltre, essendo del sud Italia, le cose della vita le ho sempre viste in un’ottica “più calorosa”.

Quali sono i costi più alti nel vivere lì? E quelli più bassi?

Innanzitutto, gli stipendi sono piuttosto bassi. Però, in rapporto ai costi, é possibile avere una vita dignitosa.

Ad esempio, uno stipendio medio di 3000 lire turche (circa € 400) sembra davvero poco ma è con quelle che vivono milioni di persone: con un tenore di vita relativo al loro stipendio.

Premetto che vivere a Istanbul vuol dire vivere nella città più costosa della Turchia. Nonostante questo la città permette una scelta per tutte le tasche! Ho sempre sostenuto che questa città é una torta con una fetta per tutti!

Se si volesse vivere in uno dei centri più alla moda, frequentare locali e fare la “bella vita”, 12000 lire non basterebbero!
Però si può davvero vivere bene senza essere necessariamente benestanti. Lo trovo uno dei punti forti della vita in questa incredibile città.

Il costo degli affitti varia da zona a zona ed anche in base al momento. Ora che l’economia sta vivendo un momento decisamente negativo chi guadagna in valuta estera é decisamente fortunato.

Consigli a chi vorrebbe fare un viaggio ad Istanbul?

 

Uno in particolare: quello di non pensare di vedere Istanbul in tre giorni! A mio avviso è follia pura. Se ne potrebbe assaggiare il sapore per poi tornarci e ritornarci.

…A proposito di sapore: non dimentichiamo la cucina turca! Spesso ricca ed elaborata, con odori e qualche particolare spezia.

La adoro talmente tanto da aver fondato un altro gruppo su Facebook a riguardo (I segreti della cucina turca), che conta più di 4000 iscritti.

vivere a Istanbul
Foto di falco da Pixabay

Mai e poi mai lasciarsi condizionare o influenzare dai giudizi altrui. Il film lo dovete vedere voi stessi per poter giudicare… Vi aspetto a Istanbul!

Deniz

Di Francesca Neri
CONDIVIDI SU:
You May Also Like
VIVERE E LAVORARE IN NORVEGIA A OSLO

GAETANO SI E’ TRASFERITO A VIVERE E LAVORARE IN NORVEGIA A OSLO

GAETANO SALVAGGIO SI E’ TRASFERITO A VIVERE E LAVORARE IN NORVEGIA A…
Paola si è trasferita lavorare a Los Angeles dove ha aperto un'agenzia per trasferirsi negli USA

Paola si è trasferita lavorare a Los Angeles dove ha aperto un’agenzia per trasferirsi negli USA

Paola si è trasferita lavorare a Los Angeles dove ha aperto un’agenzia…
Marco medico medicina in Bulgaria Sofia 2

MARCO VIGNOLI STA STUDIANDO MEDICINA IN BULGARIA A SOFIA

MARCO VIGNOLI STA STUDIANDO MEDICINA IN BULGARIA A SOFIA Marco Vignoli, all’età…

Maria Rosaria si è trasferita a vivere a Istanbul dove lavora come insegnante di inglese

MARIA ROSARIA SI E’ TRASFERITA A VIVERE A ISTANBUL DOVE LAVORA COME…