andreas-ronco-vivere-in-repubblica-ceca-2


Andreas Ronco si è trasferito a vivere in Repubblica Ceca dove ha creato il primo portale per stranieri 

Andreas si è trasferito a vivere in Repubblica Ceca dove ha lanciato un portale di informazione e lifestyle sulla città puntando tutto sulla produzione video, il Prague Morning. Per il 2017 ha in programma di superare il primo giornale nazionale come visualizzazioni nei social network.

“In Italia è tutto cosi complicato… Tante cose illogiche, la pressione fiscale troppo alta, c’è una tassa su tutto… Un imprenditore può scaricare solo il 50% delle spese telefoniche, questo per me dice tutto… Cose che farebbero imbarazzare un tedesco in spiaggia con sandali e calzino…”



Ciao Andreas, raccontaci un po’ di te… di dove sei originario e cosa facevi quando eri in Italia?

Mi chiamo Andreas Ronco, sono nato a Vicenza nell’80, quando ero in Italia ho sempre fatto animazione nei villaggi turistici a Venezia mentre studiavo all’Università di comunicazione, lo Iulm di Milano.

Quando e perché è arrivata la voglia o la necessità di lasciare l’Italia?

Sinceramente è successo per caso, durante una stagione estiva mi sono innamorato di una tedesca, in 20 giorni ho mollato tutto e sono andato a vivere in Germania.

andreas-ronco-vivere-in-repubblica-ceca-2

Sei partito da solo, con la famiglia, amici o con partner?

Sono andato da solo, prima a studiare un po’ la lingua per 3 mesi poi mi son inventato un lavoro dal nulla. Alla fine ci sono stato 8 anni.

Perché hai scelto proprio la Repubblica Ceca?

Quando è finita la mia storia con lei (a tre mesi da matrimonio) avevo voglia di tornare in Italia, ma essendomi abituato al modo di lavorare tedesco, alla mentalità di come funzionano le cose, ho desistito e dovevo per forza cercare qualcosa che si avvicinasse di più allo stile tedesco ma facendomi sentire più libero rispetto alla Germania.

In Italia sentivo che non avrei più potuto accettare il modo di comprendere il business, troppo diverso da qui. In Italia ci lavori se ci sei nato, o se non hai provato a lavorare fuori.

Che lavoro fai a Praga?

A Praga prima ho inventato una app che si chiama MyPrague, una semplice guida della città che girava offline, dopo pochi mesi è diventata l’applicazione ufficiale consigliata dalla città. Mi ha dato soddisfazioni.

Poi ho lasciato questa strada, non rendeva. Ho lanciato un portale di informazione e lifestyle sulla città puntando tutto sulla produzione video, il Prague Morning.

In 9 mesi siamo in assoluto il portale più visto dagli stranieri in Rep.Ceca, anche se le interazioni più importanti sono quelle dei cechi. Siamo gli unici che facciamo video bilingue, una formula innovativa che sta funzionando. Lo scorso mese abbiamo fatto 7 milioni di interazioni. Se ci fossero investitori riusciremmo a fare molto e molto di più.

Ci prepariamo per il 2017 a superare il primo giornale nazionale come visualizzazioni nei social network.

Per il resto facciamo produzione video per le aziende o per le persone, focalizzati sui social, gestiamo la comunicazione social di diverse aziende qui e in Italia producendo contenuti, dando strumenti reali per fare marketing online, facciamo in modo che le aziende acquisiscano fans, ma fans con un valore reale, no pagando Facebook, insomma siamo specializzati proprio su questo.

Il portale è la vetrina dei nostri lavori, vogliamo far capire alla gente che è tempo di lavorare sulla pubblicità indiretta, funziona molto bene e non da fastidio a chi la vede.

vivere-in-repubblica-ceca

Quali differenze sostanziali hai avuto modo di riscontrare a livello lavorativo e di stile di vita rispetto all’Italia?

In Italia è tutto cosi complicato a partire dal sistema statale. Tante cose illogiche, la pressione fiscale troppo alta, c’è una tassa su tutto e non c’è nulla di veramente gratuito.

Un imprenditore può scaricare solo il 50% delle spese telefoniche, questo per me dice tutto, senza andare a vedere cose come gli studi di settore che finalmente sembrano aver tolto.

Cose che farebbero imbarazzare un tedesco in spiaggia con sandali e calzino.

Lo stile di vita? Bè l’Italia è l’Italia non c’è niente al mondo bello come il nostro modo di vivere la nostra libertà.

vivere-in-repubblica-ceca

Cos’altro hai notato della società locale?

Qui parliamo di uno stato in continua crescita come tutti gli stati piccoli dell’area dell’Europa centrale ex comunista, ovviamente è più facile per loro in questo momento sfruttare la situazione, ma credo arriverà una bolla anche qui prima o dopo.

Spero solo non introducano l’Euro. Me ne andrei. Sono molto nazionalisti i cechi, c’è poca “immigrazione cattiva” ma tanta integrazione, noi stranieri rappresentiamo quasi 10% della popolazione nazionale.

La città è molto sicura, facciamo davvero fatica a trovare notizie a volte!

La politica la evito, come l’ho sempre evitata in Italia, i cechi sono abbastanza schivi ma anche molto aperti mentalmente.

Diciamo che sono razzisti con chi non si adatta a loro, a loro piacciono le loro cose, dobbiamo partire da questo punto fondamentale. Il resto è un extra che devi presentargli con molta delicatezza.

Come è avvenuta la tua integrazione in una realtà sostanzialmente diversa da quella italiana?

Sicuramente è una città molto aperta perché multiculturale, parliamo di una città con più di un milione di abitanti dove vivono più di 160 mila stranieri.

Personalmente non ho mai avuto problemi con nessuno, a parte qualche impiegato comunale ostico che non accetta ancora di parlare inglese  (forse perché non lo Sa!) ma alla fine mi rispondo sempre: sono io che devo imparare il ceco non è un problema loro. Sinceramente mi sento a casa mia qui.

vivere-in-repubblica-ceca

Vivere in Repubblica Ceca sotto quali aspetti è meglio che in Italia? E sotto quali aspetti è peggio?

Sicuramente il costo della vita minore all’Italia, tasse al 19% sopportabilissime per le aziende, e una mentalità  priva da influenze religiose. Senti aria di libertà.

Bè l’Italia è sempre la mia terra, mi manca sopratutto il modo di concepire la vita privata, quella in cui vivi davvero.
Quindi direi sotto l’aspetto professionale è meglio per quello umano preferisco personalmente l’Italia.

Ti manca l’Italia?

Mi manca da morire, ma sono consapevole che qui riesco a realizzare i miei sogni però. Almeno al momento sono convinto cosi.

andreas-ronco-vivere-in-repubblica-ceca

Che tipo di lavoro, attività o investimento pensi sia conveniente praticare per un italiano in Repubblica Ceca?

Ecco qui sono la persona meno adatta a dare consigli di questo tipo, io mi occupo di comunicazione, non sono forte a fare investimenti, li ho fatti in passato, sono andati anche bene ma è troppo stressante per la mia testa.

Vedo che tutti quelli che hanno fatto davvero i soldi lavorano nell’immobiliare.  Vedo tanti ristoranti, attività artigianali, di Italiani che hanno fatto successo a Praga ce ne sono diversi, io mi sento di consigliare che alla fine qualsiasi cosa che fate, l’importante è che puntiate sulla qualità. Quella fa la differenza sempre e dovunque.

Elencaci i siti internet e le pagine Facebook o altro dove le persone possono contattarti:

www.praguemorning.cz
www.facebook.com/praguemorning
www.andreasro.com

Di Massimo Dallaglio

➡︎  LEGGI LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO IN REPUBBLICA CECA  ⬅︎

CONDIVIDI SU:
You May Also Like
Roberta Todisco Vivere in Albania lavorare in Albania

Roberta Todisco si è trasferitia a vivere in Albania

Roberta Todisco si è trasferitia a vivere in Albania da due anni…

Davide Zanon ha creato Meeters la community di persone che amano l’Italia

Davide Zanon ha creato Meeters la community di persone che amano l’Italia…
Italo Scire lavorare e fare business in Romania

Italo Scirè il punto di riferimento per fare Business in Romania

ITALO SCIRE’: IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER FARE BUSINESS IN ROMANIA Oggi…
pizzeria-lavorare-in-repubblica-ceca-3

GIORGIO HA SCELTO DI VIVERE E LAVORARE IN REPUBBLICA CECA

GIORGIO HA SCELTO DI VIVERE E LAVORARE IN REPUBBLICA CECA Giorgio si…