La Spagna... dopo tanto girovagare! Willy Mulonia


Lasciare la propria terra per andare fuori dai confini nazionali è per tutti un’avventura: ma ci sono anche persone per le quali la parola avventura non è solo un modo di dire. E’ senza dubbio il caso di Guglielmo Willy Mulonia, originario di Chiari (BS).
Agli appassionati di grandi viaggi in bicicletta questo nome fa strabuzzare gli occhi: non sono certo molti, almeno in Italia, a vantare un palmares escursionistico come il suo. Una su tutte l’attraversata delle due Americhe dalla Patagonia all’ Alaska lungo strade secondarie, villaggi sperduti e su montagne incredibili…e ci piace ricordarlo portando in giro la bandiera di Amnesty International per i diritti umani. Non c’è continente che non sia stato solcato dalle sue ruote, non ci sono montagne troppo alte per non arrivarci con la sua pesante bici.

Ora ha trovato una “relativa” stanzialità in Spagna dove vive, lavora e si allena il tutto ovviamente secondo la propria passione: organizza spedizioni in mountain bike in giro per il mondo.

Allora possiamo dire che Willy Mulonia ha trovato finalmente una sistemazione definitiva?

Non esattamente: non ho lasciato l’Italia per la Spagna. Nel mio girovagare ho trovato una persona che mi ha portato qui. Ci vivo bene ma spero di non morirci!



In che cosa consiste la tua attività in questo paese?



Ho un’ agenzia di viaggi specializzata in spedizioni di MTB www.progettoavventura.com
 e una società di eventi sportivi. Il primo organizzato é il MONGOLIA BIKE CHALLENGE www.mongoliabikechallenge.com … ne seguiranno altri.



Come sono nati questi progetti?



L’ idea mi è venuta mentre attraversavo in solitario il Deserto di Atacama (Cile) ma il fatto che viva in Spagna non dipende da questo!



Cosa ti ha colpito della vita di questo paese?



Mia moglie, il cibo…e la possibilità di lavorare senza pressioni fiscali assurde…come in Italia!



Ogni tanto fai ritorno in Italia?



Ci torno in media una volta al mese e con voglia perché so che dopo una settimana me ne vado!

La Spagna... dopo tanto girovagare! Willy Mulonia La Spagna... dopo tanto girovagare! Willy Mulonia



Consiglieresti al tuo miglior amico italiano di mollare tutto e aprire un’attività a questo paese?


Consigli non ne do mai. Preferisco dire quel che ho fatto in una situazione simile. E se quel qualcuno non si trova bene con quello che fa… che provi a cambiare.



E’ vero che c’è una certa somiglianza tra italiani e spagnoli?



In molte cose ci assomigliano: siamo un po’ provinciali e saputelli. Ti faccio un esempio di quel che dico, basandomi sulla tanta gente che ho portato a spasso per il mondo in questi anni. Andiamo all’estero e vogliamo mangiare la “pastasciutta” di casa nostra e bere “un buon caffé”. E siccome non ci soddisfa… in quel paese si mangia male. Ma siamo terreno fertile, abbiamo una capacitá che tutti ci invidiano: sappiamo arrangiarci.



Come ti sei trovato con i nuovi ritmi di vita?



Nella capitale non riuscirei a vivere: dopo un mese mi sono trasferito a Cercedilla nella Sierra de Guadarrama tra Madrid e Segovia… siamo ancora qui. Il posto è bellissimo e le giornate lavorative scorrono veloci tra l’ufficio dove si sviluppa la fase creativa ed amministrativa, l’allenamento fisico e la famiglia: tre bambini non sono pochi te lo assicuro. Per il resto non faccio molto altro: al bar non ci andavo neanche prima figurati adesso. E poi ho una grande fortuna: quella di avere una professione che deriva da una passione. Questo fa si che non abbia bisogno di passatempi o altri svaghi.



Mi rendo conto che il tuo sia un caso particolare, ovvero quello di chi è andato non tanto in un altro paese ma nel mondo: al di là dei confini, delle differenze, di lingua o di religione. C’è un posto nel mondo nel quale vorresti fermarti o pensi che la strada e l’avventura siano la tua vera casa?



Mi rendo conto di essere un’ anima vagabonda che non riesce a fare a meno di viaggiare e scoprire nuovi mondi. Non riesco a pensare che dove mi trovo ora sia una sistemazione definitiva. Però c’è sempre un posto dove vorrei andare e prima o poi ci vado e forse ci resto. L’ importante per me è sapere che sto facendo tutto il possibile per abbracciare con lo spirito quel luogo.



Ma avrai una casa???



Durante un viaggio imparai che “casa” è qualsiasi posto dove ci sia qualcuno ad aspettarti e che ti vuole bene! …il termine esatto in spagnolo sarebbe “hogar”. E di “case” per il mondo ne ho davvero tante. Non per niente dedicai Chino verso Nord (ed da FILMMARE), il video del mio viaggio tra le Americhe, alle “mie Famiglie”.
Quel che sto cercando ancora, e come ti ho detto sopra forse ho trovato, é: “un lugar en el Mundo”

Di Raffaele Ganzerli 25/10/2010

“yourevolution”
CONDIVIDI SU:
You May Also Like
Alberto Vivere lavorare a Malaga

ALBERTO HA SCELTO DI TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE A MALAGA IN COSTA DEL SOL – SPAGNA

ALBERTO HA SCELTO DI TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE A MALAGA IN…

Nicola Casale si è trasferito a vivere in Andalusia a Malaga con la famiglia

NICOLA SI E’ TRASFERITO CON LA FAMIGLIA A VIVERE IN ANDALUSIA VICINO…
Vivere in Costa Blanca Alicante 2

MASSIMO MAURO SI E’ TRASFERITO A VIVERE AD ALICANTE

MASSIMO MAURO SI E’ TRASFERITO A VIVERE AD ALICANTE IN SPAGNA Massimo…
aprire BAR a IBIZA

Pablo si è trasferito a vivere a Ibiza dove ha aperto un bar a Playa den Bossa

Pablo si è trasferito a vivere a Ibiza dove ha aperto un…