Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro


Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Nicole e Pietro, una giovane coppia di ragazzi toscani sono partiti nel 2018 con il semplice intento di viaggiare per esplorare il mondo, condizione essenziale per essere felici. Questa la loro intervista.



Ciao Nicole e Pietro, volete presentarvi ai nostri lettori?

Ciao a tutti! Siamo Nicole e Pietro ed abbiamo rispettivamente 23 e 25 anni.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Di dove siete originari e cosa facevate quando eravate in Italia?

Siamo Toscani e quando siamo in Italia viviamo a Massa. Io (Pietro) insegnavo breakdance e dipingevo, cosa che faccio ancora ogni volta che torno a casa con nuovi ricordi dai viaggi. Nicole ha sempre cercato qualche lavoretto per mantenersi mentre completava gli studi di lingue.

Quando siete partiti perchè avete deciso di farlo?

Siamo partiti nell’ottobre 2018, con l’intento di viaggiare, semplicemente quello. Con il tempo questo sogno di esplorare il mondo si é inevitabilmente affiancato al bisogno di trovare uno stile di vita alternativo rispetto a quello a cui eravamo sempre stati abituati.

Forse alla fine guardando indietro e guardandoci adesso, cercando un comun denominatore, il motivo per cui siamo partiti é stato cercare di ascoltare il nostro cuore per essere felici.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Come scegliete e come organizzate i vostri viaggi e le vostre mete?

I nostri viaggi, tempi di pandemia esclusi, sono via terra. Cerchiamo di muoverci senza prendere aerei, non per paura, non per una questione economica.

É un concetto che si basa sul piacere del viaggiare, sul godersi ogni singolo cambiamento che sfuma i confini degli stati, sul piacere che proviamo nel prendere piccoli mezzi locali che inevitabilmente ci fanno vivere tutte quelle piccole esperienze che secondo noi sono l’essenza di un viaggio.

Su questi principi nel 2018 abbiamo viaggiato via terra dall’Italia fino a Singapore, attraversando senza aerei 35.500 km con treni, bus, autostop ed anche guidando per piú di 4000km il motorino che abbiamo comprato in Vietnam e rivenduto in Laos quasi tre mesi dopo.

In questi anni quante e quali nazioni avete visitato?

Abbiamo fin da subito lasciato il cuore in Asia. Abbiamo attraversato parte d’Europa velocemente, fatto un mese in Russia prendendo la transiberiana e facendoci ospitare per tutte le notti non passate sul treno.

Vissuto un mese in Cina, attraversato Vietnam, Cambogia e Laos con il motorino, finchè non si distrusse completamente costringendoci a fare autostop. Dopodiché Thailandia, Myanmar e Malesia fino a Singapore. A febbraio 2020 abbiamo attraversato tutto il Borneo Malese in autostop e vissuto un mese in Cambogia durante la prima ondata della pandemia.

Dopo essere tornati a casa siamo andati in Islanda e l’abbiamo vissuta a 360°, lavorando, facendo volontariato e viaggiando con un van.

Adesso scriviamo dal Marocco, dove stiamo viaggiando da due mesi, in vista dei viaggi di gruppo che stiamo organizzando per ottobre/novembre.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

In base a cosa avete scelto questi paesi?

La nostra idea é di voler visitare ogni paese o per lo meno la maggior parte di essi. Dobbiamo solo scegliere quali visitare per primi. Noi ci siamo sentiti chiamati dall’Oriente anche se poi ogni volta ogni viaggio ne chiama altri 100 e la lista prioritaria dei paesi da visitare si allunga sempre di più.

Come vi mantenete? Cioè come finanziate il vostro “girovagare” per il mondo?

Facciamo lavori stagionali, mettiamo da parte i soldi durante brevi periodi di lavoro intenso e viaggiamo per il resto dell’anno.

Vivere in viaggio costa molto meno di quanto si pensi, noi con un budget di soli 10€ al giorno riusciamo a spendere mensilmente molto meno di quanto si sia obbligati a spendere per mantenersi in Italia, contando che con quel prezzo stiamo vivendo felici una vita piena di esperienze in viaggio.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Ci sono stati dei momenti difficili? Cosa vi ha spinto a “non gettare mai la spugna”?

Come nella vita di tutti ci sono dei momenti più difficili. Non abbiamo mai avuto problemi con persone e non siamo mai stati vittime di nessun episodio di criminalità. Qualche malattia ci ha buttati un po’ a terra ogni tanto, quello è vero.

Dopo un periodo di forti dolori addominali e allo stomaco siamo andati in ospedale in Thailandia a fare un controllo. Il dottore dopo averci dato qualche medicinale si è raccomandato di non mangiare piccante, fritto e troppo speziato. In Thailandia.

Oltre a questo comico episodio che si è risolto velocemente, sempre in Thailandia, ma qualche mese dopo, abbiamo preso la febbre dengue che ha costretto la Nichi ad essere ricoverata in ospedale per una settimana. Anche questo è passato e la consapevolezza delle infinite esperienze che facciamo ci spinge ogni giorno in questa vita non poi così pericolosa 🙂

Avevate già vissuto all’estero per lunghi periodi prima?

No, partire alla volta dell’Asia è stata la prima grande avventura.

L’Italia oramai è per voi un ricordo, avete nostalgia, cosa vi manca?

In realtà ci capita di tornare almeno un paio di mesi l’anno, per stare con la famiglia e vedere i fratellini o nipotini che crescono. Goderci un po’ di cibo italiano e qualche camminata nelle nostre montagne, per poi ripartire alla volta dell’ignoto.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Tornerete un giorno in Italia o state cercando la vostra meta definitiva all’estero?

Viviamo un po’ alla giornata, quindi previsioni per il futuro non ne abbiamo troppe, soprattutto in questi ultimi due anni.
E’ sicuro che torneremo in Italia periodicamente per stare con la famiglia e gli amici che abbiamo qua, ma ci sentiamo parte di un mondo dove i confini non esistono, e sebbene sappiamo che purtroppo non sia così ci piace andare a dormire con in testa l’idea di voler partire verso un nuovo paese.

Esplorare il mondo per essere felici: la storia di Nicole e Pietro

Cosa consigliereste ad altri italiani che desiderassero esplorare il mondo seguendo le vostre orme?

Cercate quello che vi rende felici e quando lo avete trovato combattete perchè il vostro sogno si avveri. Questo è quello che facciamo noi ogni giorno, non ci sono certezze, non ci sono strade già spianate.

E’ importante prendere spunto e lasciarsi ispirare dal percorso degli altri per poter tracciare al meglio il nostro personale sentiero di una vita felice.

Di Pamela Conforti

CONDIVIDI SU:
You May Also Like
Annalisa in giro per il mondo da sola 13

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN ANNO

ANNALISA STA VIAGGIANDO DA SOLA IN GIRO PER IL MONDO DA UN…
Stefania Conte giro del mondo viaggiare da sola

STEFANIA E’ IN VIAGGIO DA SOLA PER COMPIERE IL GIRO DEL MONDO A 50 ANNI

STEFANIA E’ IN VIAGGIO DA SOLA PER COMPIERE IL GIRO DEL MONDO…
sindrome di wanderlust

La sindrome di wanderlust: Gli ammalati di viaggi

LA SINDROME DI WANDERLUST: GLI AMMALATI DI VIAGGI La sindrome di wanderlust è…

Luca Badanai ed il suo giro del mondo

Luca Badanai ed il suo giro del mondo Oggi vi raccontiamo la…